Mantova, un casolare disabitato distrutto dalle fiamme

Spunta l’ipotesi del dolo. Pompieri al lavoro per otto ore

sermide e felonica (MOGLIA). Un incendio di vaste proporzioni ha completamente distrutto un casolare nelle campagne di Moglia di Sermide. Vigili del fuoco e carabinieri sono stati impegnati dalle dieci di  mattina alle cinque del pomeriggio. Ancora incerte le cause che hanno provocato il rogo, ma non si esclude il dolo.

La casa, che si trova in via Galvani 3, era disabitata da tempo, da quando l’anziana signora che l’abitava ha deciso di andare a vivere con i figli.

Ma non era abbandonata del tutto. Anzi. I proprietari andavano ad aprirla con una certa regolarità per controllare che fosse tutto a posto. L’impianto elettrico era ancora funzionante, per questo una delle prime ipotesi ha fatto pensare ad un possibile corto circuito. In realtà l’ipotesi del dolo sembra la più probabile anche se al momento i vigili del fuoco e i carabinieri di Poggio Rusco intervenuti sul posto non si sbilanciano.

L’abitazione è stata comunque, su richiesta del magistrato, posta sotto sequestro. Il conteggio dei danni è ancora in corso di valutazione. Le fiamme hanno intaccato il soffitto e fatto crollare completamente il tetto.

I vigili del fuoco hanno lavorato per ore per domare l’incendio alimentato dalle travi in legno dell’ultimo piano. Ora l’abitazione appare come una carcassa svuotata degli interni e che si regge in piedi solo con i muri perimetrali. Domenica 27 giugno i vigili del fuoco torneranno per nuovi accertamenti.

Video del giorno

La rissa di sabato sera in un bar di piazza Broletto a Mantova e il fuggi fuggi generale

La guida allo shopping del Gruppo Gedi