Contenuto riservato agli abbonati

Poste di Cizzolo, scatta la protesta per il caldo e i lunghi tempi d’attesa

VIADANA. I cittadini di Cizzolo chiedono soluzioni per l’ufficio postale del paese: «Stamattina (ieri; ndr) – racconta un’anziana signora – ho atteso il mio turno per due ore, con un caldo infernale, in piedi contro un muro». E pare che non sia la prima volta che si verificano disagi del genere: «D’inverno, per ritirare la pensione, dobbiamo aspettare al freddo».

Nell’ufficio di via Mentana, per motivi di spazio e di sicurezza sanitaria, possono accedere contemporaneamente due persone. L’operatore peraltro è unico; e, in particolare nei giorni fissati per il ritiro della pensione, gli utenti possono essere numerosi. Ieri, stando alla testimonianza della pensionata, le persone in attesa del loro turno sotto il sole erano mediamente una decina. I cittadini chiedono pertanto alla direzione di Poste di trovare soluzioni per diminuire i tempi di attesa e per rendere più confortevoli i minuti trascorsi in coda. «Pensiamo che questo ufficio postale possa essere potenziato, visto che serve due paesi e una importante area artigianale». Recente novità, per la zona delle frazioni nord , è la decisione di Poste Italiane di installare uno sportello postamat presso l’ufficio postale di San Matteo delle Chiaviche (galleria Petrali). 

Video del giorno

Assemblea alla Canottieri Mincio: c'è il quorum, il circolo verso la salvezza

La guida allo shopping del Gruppo Gedi