Contenuto riservato agli abbonati

Precipita nel vuoto, muore escursionista mantovano

La tragedia su un sentiero del lago d’Idro, nel Bresciano

CASTIGLIONE DELLE STIVIERE.È precipitato nel vuoto, da un sentiero sopra il lago d’Idro, nel Bresciano, tra i rovi e le pietre, per più di cento metri. . È morto così, nel pomeriggio di giovedì 1 luglio, il dirigente scolastico Angelo Gandini, 65 anni, preside dell’istituto comprensivo 1 che riunisce Castiglione e Medole. Era sul sentiero dei Tralicci, sul lago d’Idro, con un’amica 53enne, che ha dato subito l’allarme. Ma quando i soccorritori sono riusciti a raggiungerlo, in una zona molto impervia, per lui non c’era più nulla da fare.

ISecondo una prima ricostruzione dell’incidente, affrontando un passaggio critico, Gandini si sarebbe aggrappato a un ramo che ha ceduto ed è precipitato per circa 120 metri tra i rovi e le pietre in direzione del lago. La sua caduta si è fermata in un punto impervio, ed è stata mortale.

L’allarme è stato lanciato col telefono dalla compagna di escursione, che non poteva raggiungerlo senza correre rischi per la sua vita. E’ stata portata all’ospedale di Gavardo: è illesa ma in stato di choc.

Dopo la segnalazione, il 112 ha inviato sul posto l’eliambulanza che ha sorvolato la zona per oltre mezz’ora prima che si potesse individuare il corpo dell’uomo. Nel frattempo l’area è stata raggiunta a piedi dal personale del Soccorso alpino e dei vigili del fuoco di Salò, Vestone e Bondone. Poi, quando finalmente il medico a bordo del velivolo è riuscito a calarsi fino a terra con il verricello, si è purtroppo scoperto che per lui non c’era niente da fare.

A quel punto è iniziata una complessa operazione di recupero della salma: gli uomini del Soccorso alpino hanno imbragato il corpo trasportandolo fino al lago, dove è stato caricato sul gommone dei vigili del fuoco e portato sulla spiaggia di Vesta. Gandini, divorziato, con due figlie, conosciutissimo e stimato nel mondo della scuola, è stato anche presidente dell’Aisam, l’associazione delle scuole mantovane, ed era un punto di riferimento per tutti i colleghi. Appassionato di montagna, era molto amico di Fausto De Stefani. I colleghi in occasione della pensione vicina, gli avevano appena regalato un sacco di abbigliamento tecnico per la montagna.

Video del giorno

Tokyo2020, Draghi a Jacobs: "Non volevo disturbarti durante intervista, è colpa di Malagò"

La guida allo shopping del Gruppo Gedi