Uscite di personale e ipotesi nuova società, timori alla Sfk di Poggio Rusco

L’organico sta dimagrendo da anni e il futuro è meno roseo.Ventotto dipendenti hanno già lasciato il posto di lavoro

POGGIO RUSCO. È in atto un ridimensionamento alla storica azienda di Poggio Rusco Skf, l’organico sta dimagrendo già da anni, le uscite incentivate sono continue e ora spunta l’ipotesi di una nuova società. In azienda circola insistentemente la voce che dal primo di ottobre la Skf cambierà nome e diventerà una nuova compagnia.

Il nome della nuova società, secondo i rumors, dovrebbe essere Mac Joint. La nuova società opererà nel settore in cui opera da anni e dovrebbe restare nella galassia di Skf, anche se sul nuovo assetto societario non ci sono certezze. A quanto si apprende ci sarà una traslazione quasi totale del personale in forza nel paese verso la nuova compagnia. Ma il sospetto in azienda è che l'operazione sia finalizzata a costituire una nuova società da poter poi vendere sul mercato.

La preoccupazione è crescente. La società svedese Skf possiede alcune azienda in Italia e da alcuni anni le ha trasformate tutte con il proprio marchio, anche quelle acquisite come era successo per la Glo srl, acquisita nel 2008 e incorporata con il cambio di marchio nel 2013. Dal 2008 al 2013 sono avvenuti cambiamenti nella catena produttiva e nella commercializzazione dei prodotti, fino a che Glo non è stata incorporata anche come brand ed è diventata una filiale di Skf a tutti gli effetti nel 2013.

È iniziata poi una riduzione fisiologica del personale. I dipendenti erano 132 una quindicina di anni fa quando la società era Glo. Già da qualche anno l'azienda sta dimagrendo come organico. Tuttavia la proprietà svedese ha organizzato delle uscite incentivate, con delle liquidazioni molto generose.

Una delle soluzioni messe in atto dalla società è che quando si avvicina alla pensione, il dipendente viene stimolato a lasciare il posto a fronte di una generosa buonauscita che possa servire da ponte fino al momento della pensione.

Nell'ultimo anno si è iniziato a parlare della nuova compagnia, quindi è sorto il crescente timore di una cessione dell'azienda. Negli ultimi mesi le uscite incentivate di persona anche lontane dalla pensione ha visto le dimissioni volontarie di quattro persone sulle 28 totali, ma la questione va avanti da diversi anni, con una riduzione continua e significativa del personale. 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Dalla Germania a Mantova pedalando sulle velomobili

La guida allo shopping del Gruppo Gedi