Contenuto riservato agli abbonati

Classi da trenta studenti alle medie: due paesi in allarme verso settembre

La preoccupazione di Lorena Ghezzi, consigliera di minoranza della Lega nella Piccola Atene

SABBIONETA-GAZZUOLO. «La prima media di Gazzuolo e la seconda di Sabbioneta a oggi hanno trenta studenti a testa. Non è pensabile iniziare l’anno scolastico con numeri simili». Lorena Ghezzi oltre a essere consigliera di minoranza a Sabbioneta, è presidente del consiglio d’istituto del comprensivo di Marcaria-Sabbioneta che è alle prese con l’ormai tristemente noto fenomeno delle classi pollaio.

«Sia a Sabbioneta che a Gazzuolo – spiega – non è stata concessa la seconda sezione. Si tratta di un fatto grave che mette a rischio l’apprendimento degli studenti e rende impossibile il lavoro agli insegnanti». Secondo la consigliera leghista, «qualcuno spera nel personale Covid che verrà assegnato agli istituti o si aspetta miracoli dalla riorganizzazione del personale all’interno delle varie scuole: si tratta di interventi insufficienti a garantire agli studenti un percorso formativo degno».

La rabbia nei confronti dell’Ufficio scolastico territoriale è tanta: «Devono concedere lo sdoppiamento delle classi – attacca Ghezzi – per evitare disagi come quelli dello scorso anno scolastico: era novembre quando si è potuto avere l'orario definitivo alla secondaria a Sabbioneta e soltanto dopo l’arrivo di docenti extra, i cosiddetti insegnanti Covid. I nostri ragazzi hanno il diritto di apprendere e lo devono fare nel miglior modo possibile».

La formazione delle classi pollaio è di grande attualità, un tema che da inizio mese sta interessando buona parte della provincia. Dalla città a Goito fino alla zona della Bassa e dell’Oltrepò, docenti, genitori e in alcuni casi amministrazioni locali si stanno attivando per evitare il sovraffollamento delle aule. Il problema riguarda tanto le elementari quanto le medie e le superiori.

Video del giorno

Elezione del presidente della Repubblica, seconda votazione a Montecitorio: la diretta

La guida allo shopping del Gruppo Gedi