Mantova, nuova rotatoria di via Visi: tutto pronto per l’appalto

I lavori cominceranno entro settembre: in tre o quattro mesi rondò in funzione. Palazzi: primo passo per togliere Te Brunetti dall’isolamento, poi il sottopasso

MANTOVA. Te Brunetti sta per uscire dall’atavico isolamento. Il primo passo sarà la realizzazione della rotatoria di via Visi, cui seguiranno il sottopasso ciclopedonale che collegherà la strada al Te e la riqualificazione di via Amadei.

Si parte, dunque, con la rotatoria. La giunta ha approvato il progetto definitivo ed esecutivo redatto dallo studio Polaris Stp srl di Mantova. L’investimento complessivo per l’opera è di 355mila euro.

Il rondò è finanziato con un contributo di 200mila euro ottenuto da un bando della Regione Lombardia dedicato agli enti locali a sostegno del tessuto economico.

Altri fondi per la progettazione, 30mila euro, sono arrivati in febbraio dal ministero dell'Interno. L’esecutivo si è impegnato a finanziare il resto.

«Dopo la rotatoria di via Visi – ha dichiarato il sindaco Mattia Palazzi – procederemo con la riqualificazione di via Amadei e, insieme a Rete ferroviaria italiana, alla realizzazione del sottopasso ciclopedonale da via Visi al Parco del Te. Con queste opere liberiamo il quartiere di Te Brunetti dall’isolamento dovuto alla ferrovia e al passaggio a livello».

La rotatoria di via Visi permetterà di migliorare la viabilità e la sicurezza nel quartiere, specialmente all’incrocio con via Bellonci, un punto molto delicato. Il nuovo assetto viario prevede, dunque, un accesso diretto su via Visi per i veicoli che dal sottopasso di viale Montello si immettono in via Bellonci. Oltre a un’altra importante novità che riguarda la vicina via Amadei.

I lavori prevedono anche una nuova illuminazione pubblica e opere a verde.

«La realizzazione della rotonda alla intersezione fra via Bellonci e via Visi – ha commentato l’assessore ai lavori pubblici Nicola Martinelli – permetterà l'ingresso diretto nel quartiere per chi proviene da viale Montello. Questa importante modifica consentirà di mettere a senso unico via Amadei. Ciò permette di progettare una effettiva riqualificazione della via ripensando gli spazi. La trasformazione della viabilità a senso unico consentirà di realizzare marciapiedi oggi inesistenti, una ciclopedonale sul lato della strada, di prevedere su un lato stalli di sosta per le auto, nonché aree verdi con alberature. In sostanza, si otterrà una vera trasformazione della via».

Dopo l’approvazione del progetto definitivo ed esecutivo si può procedere alla gara d’appalto. Si dovranno bruciare le tappe perché i lavori dovranno tassativamente iniziare entro settembre, pena la perdita del contributo regionale. Il Comune è pronto e a breve verrà scelta l’impresa a cui affidare i lavori per 250mila euro (105mila euro la somma a disposizione). In tre o quattro mesi il nuovo rondò sarà pronto. 

Video del giorno

Sgarbi e Al Bano cacciati a fischi dal palco dell'Arena di Verona: era la sera dell'omaggio a Franco Battiato

La guida allo shopping del Gruppo Gedi