Contenuto riservato agli abbonati

Moglia, l’educatrice del Cred ha il Covid: in quarantena bimbi e volontari

Era in attesa di essere vaccinata. Diciotto persone a casa. Screening tra lunedì e martedì

MOGLIA. Giovane educatrice, in attesa di essere vaccinata, si è ammalata di Covid variante Delta. A casa in quarantena sono finite 18 persone tra bambini e volontari. Il periodo di controllo durerà una decina di giorni. Il tampone per verificare che non ci siano altri contagiati è previsto per giovedì. Tra lunedì e martedì, invece, verrà effettuato uno screening su tutti i bambini e volontari. L’adesione, che è volontaria, si è rivelata alta.

L’amministrazione comunale ha attivato il Cred estivo dal 14 giugno al 6 agosto con turni minimi di due settimane nel rispetto di tutti i protocolli sanitari. I bambini della scuola elementare e media iscritti al Cred sono in tutto 100, suddivisi in due turni di 50-60 bambini e, a loro volta, in gruppi di 15-16 ragazzi e sempre con gli stessi operatori-volontari, come previsto dal protocollo sanitario.

Il Cred, per questi bimbi-ragazzi, si svolge nell’ex sede municipale di piazza Di Vittorio ed è gestito da educatori e volontari della cooperativa Chv di Suzzara. Il Cred estivo, invece, riservato ai bimbi della scuola materna vede la partecipazione di 38 bambini, suddivisi un due turni settimanali e in tre gruppi: uno di 14 e due di 12, si svolge dal 5 luglio al 6 agosto alla scuola “Gianni Rodari” di via Cavour ed è gestito dalla cooperativa Il Giardino dei Bimbi di Mantova.

L’operatrice della coop Chv che si è ammalata accusa mal di testa, tosse e soprattutto starnuti e sintomi simili al raffreddore. Si tratta dei sintomi più diffusi della variante Delta.

«Appena abbiamo avuto la notizia da Ats Valpadana della positività al Covid della volontaria della coop Chv ci siano subito attivati per avvisare le famiglie, che ringrazio di cuore, perché sono state estremamente collaborative. Cosa non scontata quando succedono problemi di questo genere. – ha spiegato l’assessore alla scuola Greta Bertolini –. Prima di tutto pensiamo alla salute dei bambini, degli educatori e dei volontari. A questo proposito, per avere un “punto zero” verrà effettuato nei primi giorni della settimana prossima uno screening generale. Devo dire che c’è stata una adesione altissima dato che si presta al tampone lo fa volontariamente».

L’assessore alla sicurezza, Damiano Nigro, lancia un appello alla cittadinanza per evitare di tornare ai contagi dei mesi scorsi, chiedendo di igienizzare sempre le mani e di indossare la mascherina. «Mi dispiace dirlo – considera Nigro – purtroppo ci sono ancora irresponsabili che pensano che sia già finito tutto. Ma se continuiamo con questo lassismo e con questa superficialità, a settembre torniamo a chiudere tutto. Facciamo in modo che ciò non succeda ma ci vuole senso di responsabilità» .mauro pinotti

Video del giorno

Assemblea alla Canottieri Mincio: c'è il quorum, il circolo verso la salvezza

La guida allo shopping del Gruppo Gedi