Contenuto riservato agli abbonati

Lungolago Gonzaga a Mantova, via ai lavori del nuovo parcheggio

Chiusa l’area di sosta, martedì la consegna all’impresa e l’apertura del cantiere. Tra un anno altri 232 posti auto

MANTOVADomenica 18 luglio per il vecchio parcheggio del lungolago Gonzaga è stato l’ultimo giorno. Dal 19 è chiuso e riaprirà solo tra un anno ma con un nuovo look: posti auto sia sopra che sotto terra, area verde intorno e dotazioni tra le più moderne per consentire agli automobilisti una sosta facile. Apcoa il 20 luglio consegna l’area alla Gecos srl di Andria, l’impresa che si è aggiudicata l’appalto, che a stretto giro comincerà i lavori per costruire il nuovo parcheggio. In un anno, il tempo concesso per contratto all’impresa, i posti auto arriveranno a 232 di cui 136 in superficie e 96 interrati (oggi sono 110 e tutti a livello suolo).

I lavori andranno avanti anche durante il periodo del Festivaletteratura perché non sono previste interruzioni, salvo che l’impresa, d’accordo con il responsabile unico del procedimento nominato dal Comune, non decida, per motivi pratici, di limitare nei giorni del Festival il flusso di mezzi pesanti. L’obiettivo è di averlo pronto entro il Festivaletteratura del 2022, quello della vera ripartenza, quando si prevede che in città arrivi un ingente flusso di visitatori anche dall’estero. Il cantiere costringerà a un cambio di viabilità il lungolago Gonzaga: il tratto stradale interessato dai lavori sarà a corsia unica, con direzione rondò del castello, per mantenere il transito dei veicoli. I disagi per gli automobilisti ci saranno, è inevitabile, ma si dovranno sopportare.

Dice l’assessore alla polizia locale Iacopo Rebecchi: «Non ci sono alternative alla perdita per un anno di quei posti auto. Bisognerà portare pazienza per potersi ritrovare in seguito con un parcheggio dai posti più che raddoppiati. Ricordo che chi viene a Mantova può utilizzare i due parcheggi scambiatori, quello di piazzale Montelungo e quello di Campo Canoa, che abbiamo ampliato e dotato di bus navetta». Quanto alla viabilità, «per chi viene da via Fondamenta dopo la curva la strada sarà a corsia unica, mentre per chi viene dal rondò del castello nulla cambia, potrà svoltare regolarmente in piazza Arche».

Apcoa investirà tre milioni e 619mila euro su un’area avuta in concessione dal Comune per 63 anni. Il futuro parcheggio sarà dotato delle più moderne tecnologie, tra cui il telepass e strumenti di pagamento digitali. Disporrà anche di un sistema di colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici e di moderni dispositivi di sicurezza. Previste due rampe elicoidali per l’ingresso e l’uscita delle auto, locali tecnici, servizi igienici e tre vani scale per gli accessi pedonali. In superficie saranno realizzate tre strutture leggere, di ridotte dimensioni, a copertura delle scale: quella a nord ospiterà l’accesso pedonale principale, con la cassa automatica e l’ascensore. Verrà anche creata un’ampia area verde.

Video del giorno

Foggia, la gioia di Francesca per i primi passi con l'esoscheletro bionico con cui può tornare a camminare

La guida allo shopping del Gruppo Gedi