Il Comune di Mantova si aggiudica 15 milioni per Borgochiesanuova e Due Pini

Il progetto ammesso ai finanziamenti del ministero Infrastrutture. Palazzi: altro successo per la città

MANTOVA. Si chiama Qui ed è l’acronimo di “Quartiere e Innovazione, Mantova”: il progetto per la rigenerazione della periferia sud-ovest della città è tra le 271 proposte ammesse su 290 candidate al finanziamento del Programma nazionale della qualità dell’abitare (Pinqua) del ministero per le Infrastrutture e la Mobilità Sostenibili (Mims) con l’obiettivo di riqualificare i centri urbani, ridurre il disagio abitativo e favorire l’inclusione sociale. Incentrata sui quartieri di Borgochiesanuova e Due Pini, quella presentata dal Comune di Mantova è al 118° posto della graduatoria pubblicata ieri sul sito del ministero, per un finanziamento di 15 milioni su complessivi 3,2 miliardi di cui 2,8 del Fondo complementare al Piano nazionale di ripresa e Resilienza (Pnrr).

«Un altro successo per la nostra città» per il sindaco Mattia Palazzi. «Con 15 milioni e quelli che aggiungeremo noi – spiega – prendiamo e riqualifichiamo 77 appartamenti sfitti da sempre nel Pru di Borgochiesanuova da destinare a redditi da lavoro, esclusi dagli alloggi Erp, e una parte a giovani e giovani coppie, riqualificamo noi ai Due Pini aree che attendono da sempre che Aler le sistemi e realizziamo una nuova scuola per i quartieri sud della città, dove oggi le scuole sono vecchie e poco funzionali e infine realizziamo la ciclabile su strada Chiesanuova fino al nuovo palazzetto». Si tratta di interventi vagliati da ben sei studi di fattibilità voluti da via Roma con l’obiettivo di «realizzare – si legge nel progetto presentato – un quartiere multifunzionale, accessibile, inclusivo e caratterizzato da un contesto urbano sicuro attraverso progetti di riqualificazione ambientale, sociale, urbana e il potenziamento del sistema dei servizi». Nel dettaglio: acquisto e riqualificazione degli alloggi ex Robinie abbandonati da 10 anni per dare una risposta alle famiglie che a causa anche della pandemia hanno subito una forte riduzione del reddito; riqualificazione di 13 alloggi Erp di proprietà Aler ai Due Pini; riqualificazione di aree intorno ai fabbricati di via Bolivia con arredi urbani e illuminazione pubblica; ciclopedonale che colleghi via Dosso del Corso con strada Circonvallazione Sud; riqualificazione di due spazi di circa 200 metri quadrati di proprietà Aler da destinare all’Emporio solidale e ad attività ludiche, sociali e culturali per il quartiere; costruzione di una nuova scuola primaria di 15 classi con una capacità di accoglienza di 370 alunni in un’area di proprietà comunale vicino a via Rinaldo Mantovano.

«È un bando – conclude il sindaco Palazzi – che destina il 40% delle risorse al sud, il resto tra centro e nord. Essendo noi nella prima metà della classifica, che comprende anche i progetti delle città metropolitane e delle Regioni, credo di poter dire che saremo tra i progetti già coperti dallo stanziamento attuale dello Stato con fondi Pnrr. Ho garantito nel progetto che entro il 2026 faremo tutto e manterremo anche questa volta l’impegno. Ci sarà un sacco di lavoro da fare, non vedo l’ora di iniziare anche questa nuova sfida per migliorare un’altra parte della nostra città. Con questi 15 milioni, a meno di un anno dalle elezioni abbiamo già vinto bandi e ottenuto finanziamenti per oltre 40 milioni di euro. Saranno altri anni di grandi e positivi cambiamenti per Mantova».

Video del giorno

Bimba di sei anni cade da una giostrina al parco di Porto Mantovano

La guida allo shopping del Gruppo Gedi