Scatta l’effetto green pass: riprende la corsa al vaccino

LaPresse

Buona risposta dei mantovani: quasi 6mila richieste dopo appelli e nuovo decreto

Venticinque pazienti affetti da Covid ricoverati nei reparti ordinari (due in semi intensiva respiratoria) e nessuno in Rianimazione. Alcuni nuovi ingressi al pronto soccorso Covid, tutti non vaccinati o solo con la prima dose.

Tra le note positive, la buona la risposta dei mantovani dopo l’apertura di ulteriori slot vaccinali e il nuovo decreto che impone limitazioni sociali a chi non è in possesso del green pass. «Le prenotazioni nelle ultime ore – precisano dal Poma – hanno sfiorato le seimila richieste».

Ecco il quadro ospedaliero e della campagna vaccinale anti Covid alle soglie dell’ultima settimana di luglio, quella che dovrebbe svelare come sta procedendo la pandemia nel Mantovano alla luce dell’aumento dei contagi degli ultimi giorni.

Le ultime due settimane di luglio prese in esame, quelle dal 5 al 18, hanno purtroppo disegnato una netta ripresa del numero dei contagi settimanali, passati da 49 a 138, e quindi quasi triplicati. Segnali non tranquillizzanti anche per quanto riguarda la settimana in corso, che solo fino alla giornata di venerdì ha già fatto registrare un numero di contagi più elevato.

La variante Delta sta galoppando soprattutto tra le fasce di popolazione più giovane, quelle non ancora vaccinate. Del resto, dal grafico dell’incidenza per fascia di età ogni 100mila abitanti si evince chiaramente che dal primo luglio i contagi si registrano principalmente tra 0 e 19 anni e tra 20 e 44 anni, con la curva che si impenna verso l’alto superando e toccando i dieci casi nelle due fasce. All’inizio del mese i casi erano nell’ordine di uno o due. Va meglio nelle fascia da 45 a 64 e over 65, dove la curva resta molto bassa.

Un occhio va buttato anche all’incidenza settimanale ogni 100mila abitanti, con Mantova che torna a un valore di 47, molto vicino alla soglia di 50, oltre la quale fino a poche settimane fa si tornava in zona gialla. Ma con il nuovo decreto e i nuovi parametri questo rischio al momento è scongiurato, anche nel caso di sconfinamento oltre i cinquanta casi. Per cambiare colore servono altre due condizioni: il tasso di ospedalizzazione superiore al 10% nelle terapie intensive e al 15% nei reparti ordinari.

E allora via con gli appelli alla vaccinazione da parte del premier Draghi, del commissario straordinario per l’emergenza Covid Figliuolo e del direttore generale dell’Asst di Mantova Raffaello Stradoni. Il manager sanitario del Poma parla di circolazione del virus sostenuta tra la popolazione non vaccinata: «Ma anche se sei vaccinato non sei certo di non diventare positivo – sottolinea – è però altrettanto vero che i vaccinati hanno un’efficacia di trasmissione del virus molto bassa. Quindi rinnovo l’invito a correre a vaccinarsi, perché negli ultimi giorni abbiamo visto una ripresa degli ingressi al pronto soccorso Covid».

Ed è per questo che Stradoni ricorda che sono stati avviati nuovi slot per le vaccinazioni su prenotazione e senza prenotazione a luglio e agosto. In particolare a Viadana è stata ampliata l'offerta vaccinale: oltre alle vaccinazioni con prenotazione per i cittadini fra i diciotto e i cinquantanove anni, saranno somministrate anche le vaccinazioni senza prenotazione agli ultra 60enni fino al primo agosto, tutti i giorni escluso il venerdì, dalle 8.30 alle 14 (via Manzoni, Muvi).

Video del giorno

Sgarbi e Al Bano cacciati a fischi dal palco dell'Arena di Verona: era la sera dell'omaggio a Franco Battiato

La guida allo shopping del Gruppo Gedi