Contenuto riservato agli abbonati

Chicchi sempre più grandi «Effetto del cambio climatico»

Il cambiamento climatico non incide solo sull’aumento delle temperature, ma può anche spiegare da un lato la copiosità delle piogge, dall’altro l’aumento medio della grandezza dei chicchi di grandine. A spiegarlo è Dino Zardi, mantovano docente di Fisica dell'Atmosfera e Meteorologia all’Università di Trento.

MANTOVA. Il cambiamento climatico non incide solo sull’aumento delle temperature, ma può anche spiegare da un lato la copiosità delle piogge, dall’altro l’aumento medio della grandezza dei chicchi di grandine. A spiegarlo è Dino Zardi, mantovano docente di Fisica dell'Atmosfera e Meteorologia all’Università di Trento.

Professore, è vero che i chicchi di grandine sono sempre più grandi?

«La grandine si forma per effetto di vapor acqueo in sospensione nelle nubi che, pur restando liquido, scende a temperature ben sotto lo zero. Si chiama stato di “sopraffusione”. E quando l’acqua così fredda entra in contatto con qualcosa di solido ghiaccia istantaneamente. A livello del terreno l’effetto è la galaverna. Nelle nubi il tutto parte da piccole particelle ghiacciate».

E in cosa influisce il clima mutato?

«Questi piccoli nuclei di ghiaccio cadono al suolo per il peso. Ma se l’aria al suolo è molto calda o quella in quota è molto fredda, all’interno delle nubi si creano delle correnti, dei venti che riescono a tenere in sospensione il ghiaccio. Che ogni tanto scende e poi viene riportato su dai moti convettivi. Una sorta di giostra dove ad ogni giro la massa di ghiaccio si ingrandisce. Più c’è differenza di temperatura fra suolo e quota, più la convezione caotica è capace di tenere sospesi i chicchi di grandine che si ingrossano sempre di più sino a raggiungere dimensioni eccezionali e quindi precipitano. Ma non è tutto».

Cioè?

«Su tutto gioca anche il fatto che nel Nord Europa arriva aria fresca atlantica mentre da sud arriva quella subtropicale dall’Africa. Masse che in questo periodo si scontrano proprio sulla pianura padana. Dove anche nei prossimi giorni potrebbero capitare violenti nubifragi».

Video del giorno

Sgarbi e Al Bano cacciati a fischi dal palco dell'Arena di Verona: era la sera dell'omaggio a Franco Battiato

La guida allo shopping del Gruppo Gedi