Riaperto ponte Marchesa, l’annuncio: entro marzo l’appalto del 3º lotto Pope

La riapertura del ponte era molto attesa, in particolare perché la strada collega San Benedetto a Pieve di Coriano e quindi all’ospedale del Destra Secchia

QUISTELLO. Il ponte Marchesa vicino a Santa Lucia è stato riaperto stamattina (31 luglio). Durante l'inaugurazione è stato annunciato che si lavora al progetto del 3° lotto della PoPe, per marzo 2022 si prevede di assegnare l'appalto. La riapertura del ponte era molto attesa, in particolare perché la strada collega San Benedetto a Pieve di Coriano e quindi all’ospedale del Destra Secchia. Il ponte sul Sabbioncello aveva problemi da tempo: inizialmente a senso unico alternato con semafori a regolare le precedenze, circa un anno fa, è stato chiuso al traffico e sono partiti i lavori per il rifacimento dell'impalcato e della strada sovrastante. Termine previsto: il 31 marzo. Ma le avverse condizioni meteorologiche dell’inverno scorso non avevano frenato il cantiere e reso necessarie fasi di sospensione per una buona esecuzione dell'opera. All’inaugurazione erano presenti, tra gli altri, i sindaci di Quistello Luca Malavasi e di San Benedetto Roberto Lasagna, il presidente del consorzio Oltrepò mantovano Alberto Borsari e il responsabile del settore tecnico della Provincia Antonio Covino. «I tempi sono stati rispettati dopo lo slittamento di fine marzo - ha detto Covino - l'intervento è stato realizzato con quadro economico ridotto, con fondi regionali arrivati per fronteggiare la pandemia e recuperare strutture problematiche. Abbiamo sostituito l'impalcato, ora c’è una trave continua in struttura mista acciaio calcestruzzo. Qualche difficoltà c'è stata dovendo intervenire su una struttura preesistente».

Di «opera importante per tutto il territorio» ha parlato Malavasi che si è congratulato con la Provincia per la velocità di intervento. Covino ha dato poi buone notizie sul 3° lotto Pope. Un nodo infrastrutturale atteso da anni nell'Oltrepò. Si parla del tratto mancante per completare la tangenziale di Quistello. Finalmente i 7,5 milioni necessari sono stati stanziati col Piano nazionale di resilienza e ripresa. È stata avviata la progettazione definitiva e sono già state spedite le lettere di esproprio. Sette milioni li metterà la Regione, il resto la Provincia. L'appalto dovrebbe essere assegnato a marzo 2022, salvo complicazioni in conferenza dei servizi. La Pope parte da Pegognaga e arriverà a Poggio. Il 3° lotto va completato con la porzione che dal punto in cui termina ora strada, raggiunge la Virgiliana. Si lavorerà poi sul 4° lotto, con nuove porzioni di strada e riqualificazione di tratti esistenti. «Sulla Pope abbiamo fatto un grande lavoro di squadra», ha detto Malavasi.

Video del giorno

Mantova, visita segretario generale Slc Cgil alla cartiera

La guida allo shopping del Gruppo Gedi