Contenuto riservato agli abbonati

Nuove scuole elementari di Poggio: l’apertura slitta a gennaio

I lavori ritardati dalle sospensioni per il Covid e per le difficoltà a reperire materiali. L’intervento è il più oneroso: costerà quattro milioni e 700mila euro

POGGIO RUSCO. La nuova scuola elementare di Poggio Rusco non sarà pronta per il rientro degli studenti il 13 di settembre, le varie sospensioni causate dal Covid e l'attuale difficoltà a reperire i materiali da costruzione hanno dilatato i tempi. «Ogni classe avrà la sua aula» - rassicura l'amministrazione che sta mettendo a punto i dettagli della soluzione alternativa in queste ore.

Secondo le ultime previsioni il nuovo complesso potrà essere utilizzato dai bimbi e dagli insegnanti a partire dall'inizio da gennaio del prossimo anno. Il cantiere della nuova scuola primaria è l'intervento più atteso e oneroso della ricostruzione nel paese: costerà 4 milioni e 700mila euro. L'obiettivo era quello di poter disporre del nuovo complesso per l'inizio dell'anno scolastico 2021- 2022, ma ci sono stati diversi intoppi. Il cantiere si è fermato per un paio di mesi, nella fase più acuta della pandemia, nel 2020. Poi c'è stato uno stop dovuto a una quarantena, infatti uno degli operatori del cantiere era risultato positivo al Covid.

Ma a ritardare ulteriormente i lavori è adesso la difficoltà di reperire le materie prime. Un problema che sta investendo il mondo delle costruzioni in generale, c'è molta richiesta e le consegne dei materiali arrivano con molto ritardo e con prezzi che sono in forte aumento. In questa situazione i ritardi si sono accumulati e non sarà possibile chiudere il cantiere per inizio settembre.

Va specificato che i lavori sono in stato molto avanzato e stanno procedendo, ma non si farà in tempo a chiuderli entro questo mese. Andranno avanti ancora alcune settimane dopo l'inizio delle scuole e il complesso verrà reso pienamente operativo sfruttando la pausa didattica natalizia, che servirà a traslocare banchi e materiali e approntare le aule e i laboratori. Infatti le classi delle elementari troveranno spazio, a settembre, in parte nella palazzina delle medie e in parte nei moduli prefabbricati. Proprio per questo ci si sta concentrando su queste strutture che verranno incluse nel nuovo complesso.

Entro agosto i moduli saranno coibentati e ristrutturati, pronti per ospitare le classi. Poi, una volta chiuso il cantiere, verrà aperto il corridoio di collegamento con la nuova scuola e verranno insediati i nuovi spazi previsti, aula mensa e magazzini e le classi troveranno posto nella nuova palazzina. 

Video del giorno

Mantova-Renate, soddisfatto mister Lauro: "Buona prova dei miei"

La guida allo shopping del Gruppo Gedi