Appello alla Regione per la riserva dell’ex Paiolo: «accelerate l’iter»

Copyright 2021 Stefano Saccani, all rights reserved

Fiasconaro (M5S): i cittadini si mobilitino, evitiamo altre speculazioni edilizie 

MANTOVA. «Faccio un appello a cittadini, istituzioni e territorio affinché tutti insieme facciano pressione sulla Regione per indurla ad agire al più presto». Andrea Fiasconaro, consigliere regionale dei Cinque Stelle, si è preso a cuore il futuro dell’ex lago Paiolo (tredici ettari a Mantova compresi tra le vie Nenni, Lago Paiolo e Trincerone) e spinge perché la Regione istituisca al più presto la riserva naturale orientata e metta una rete di protezione su quell’habitat che ospita specie animali e vegetali di grande interesse. «In verità – dice – tutti i miei colleghi mantovani sono interessati a tutelare l’ex Paiolo. Di recente in aula anche le mantovane Mazzali e Cappellari hanno approvato il documento redatto dal sottoscritto e dalla Forattini con cui si chiedeva alla giunta regionale di velocizzare l’iter per l’istituzione della riserva naturale».

Fiasconaro sta seguendo da vicino l’intera vicenda: «Il Parco del Mincio – spiega – ha formalizzato la richiesta in Regione il 23 giugno, che ora giace nei cassetti dell’assessorato all’agricoltura e verrà presa in considerazione con i suoi tempi, che si preannunciano lunghi». Per accorciarli il più possibile Fiasconaro ha preso contatti sia con l’assessore alla partita che con i funzionari dell’assessorato che dovranno istruire la pratica: «L’assessore Rolfi mi ha detto di lasciargli il tempo di studiare la questione; i funzionari, invece, mi hanno fatto capire che ci sono altre richieste in tal senso da esaminare e che loro procederanno in ordine cronologico».

Morale, si rischia di far trascorrere troppo tempo prima di porre un vincolo sull’area, una parte della quale, 96.224 metri quadrati, di recente è passata di mano edè finita in quelle di un’immobiliare veronese, la Toffalini&Toffalini, attraverso una società del suo gruppo, la Imprendo srl che ha rilevato l’area e il piano attuativo dal fallimento della Pitentino srl. A quanto risulta, però, il nuovo acquirente non si è ancora fatto vivo con il Comune per spiegare le sue intenzioni. «È urgente procedere – insiste Fiasconaro – visto anche l’interesse già manifestato da migliaia di cittadini di tutelare un’area su cui sarebbe sempre possibile svolgere certe attività. L’ideale sarebbe che già entro settembre, dopo la ripresa dell’attività politico-amministrativa dopo le ferie, la giunta arrivasse con la delibera per iniziare a discuterne nelle commissioni agricoltura e ambiente e poi in consiglio regionale, che dovrà dire l’ultima sulla riserva naturale. La spinta corale di cittadini, istituzioni e territorio per dire alla Regione che questa è una priorità e un’urgenza sarebbe decisiva. Per questo rivolgo un appello a tutti affinché ci sia una mobilitazione per far capire alla Regione l’importanza di quell’area e di tutelarla; e di fare il più in fretta possibile. Su quei terreni c’è, poi, un progetto di valorizzazione e tutela costruito dalla comunità del Parco del Mincio».

E annuncia: «Lavorerò per organizzare un incontro pubblico con tutta la cittadinanza a fine agosto o ai primi di settembre per cominciare il confronto e condividere l’idea con più persone possibile e, soprattutto, per sollecitare la Regione a istituire la riserva naturale. Solo con il supporto di tutti i cittadini, che negli anni si sono battuti e attivati per tutelare l’area, si potrà raggiungere l’obiettivo. Negli ultimi mesi, in particolare, ho seguito la vicenda insieme alla consigliera comunale Gloria Costani e al gruppo naturalistico mantovano che con i suoi studi scientifici sulla fauna e la flora presenti in zona ha evidenziato la necessità di proteggerla». «Mi auguro – conclude Fiasconaro – che l’azione congiunta di tutto il territorio garantisca la salvaguardia di questo polmone verde e del suo valore naturalistico e possa scongiurare eventuali future speculazioni edilizie». 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Il primo Airbus A340 atterra in Antartide, l'impresa epocale della Hi Fly apre la via del turismo

La guida allo shopping del Gruppo Gedi