Contenuto riservato agli abbonati

Incidente all’incrocio pericoloso di Prede

I conducenti delle due vetture coinvolte sono rimasti feriti, senza gravi conseguenze, ma hanno dovuto essere accompagnati in ospedale

CASTIGLIONE DELLE STIVIERE. Nuovo incidente, stamattina (1 settembre), in località Prede, la piccola frazione al confine con il territorio della bresciana Carpenedolo. I conducenti delle due vetture coinvolte sono rimasti feriti, senza gravi conseguenze, ma hanno dovuto essere accompagnati in ospedale.

Questo nuovo incidente risolleva la questione della sicurezza in quel tratto di strada provinciale, la Sp 11, ovvero via Carpenedolo. Già nel recente passato l’amministrazione comunale, segnalando alla Provincia gli ingressi pericolosi al paese (tra questi via Napoleone III, via Mazzini, via Lonato, via Solferino), non aveva mancato di sottolineare il caso di via Carpenedolo.

Gli abitanti che si affacciano con le loro abitazioni e attività commerciali (bar e alcune imprese artigianali) hanno già segnalato, con una lettera, la questione della scarsa sicurezza al Comune e alla Provincia. In passato hanno anche fatto richiesta di un autovelox.

Ora, dopo le misure per la riduzione della velocità prese per via Napoleone III (un velox fisso), via Solferino (nuovi limiti di velocità) e via Lonato (speed check), restano da eseguire interventi proprio in via Mazzini e via Carpenedolo, le strade dove, nel giro di neppure un mese, ci sono stati due gravi incidenti. In entrambe le strade ci sono rettilinei dove spesso la velocità è sostenuta; in entrambe, inoltre, ci sono intersezioni importanti, soprattutto su via Carpenedolo, dove si svolta per entrare nella frazione Prede o per andare nella frazione Gozzolina. Qui ci sono spesso mezzi agricoli, diretti nelle frazioni, e mezzi pesanti che vanno ad imboccare la tangenziale. L’amministrazione, per la parte di sua competenza, in questi anni è intervenuta rifacendo il manto e mettendo i dossi, ma il tratto pericoloso resta quella in carico alla Provincia e che, dal confine con Brescia, arriva fino al cavalcavia, dove c’è un bar noto a tutti i castiglionesi e, in prossimità del quale è successo l’incidente di stamattina. 

Video del giorno

Metropolis/13, Folli: "Se fossi Salvini ci penserei due volte a candidare Casellati"

La guida allo shopping del Gruppo Gedi