Contenuto riservato agli abbonati

Gli affluenti del Po sono ai minimi storici. Così l’agricoltura soffre

L’Autorità del fiume lancia l’allarme: «Occorre costruire o riaprire invasi e bacini»

MANTOVA. È un “bilancio idrico” in chiaro scuro, quello dell’estate 2021 per il fiume Po. I dati, secondo l’Autorità distrettuale del fiume Po, devono indurre le istituzioni a una riflessione. «Servono opere che garantiscano l’acqua», afferma il presidente Meuccio Berselli.

Come si ricorderà, tra fine giugno e inizio luglio la portata del corso d’acqua era calata sino al 30 per cento in diverse zone del bacino padano.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Gazzetta di Mantova la comunità dei lettori

Video del giorno

Juve-Roma, il labiale di Orsato: ''Sui rigori non si dà vantaggio, se poi li sbagliano non è colpa mia''

La guida allo shopping del Gruppo Gedi