Contenuto riservato agli abbonati

Il retroscena. La Regione: «Vai in pensione». Ma Stradoni si rifiuta: trasferito

Saccani Nicola

Come è nato il ribaltone all’Asst di Mantova: Milano lo aveva invitato a ritirarsi a gennaio. Dietro l’intera operazione anche il messaggio della Moratti alla politica: da oggi decido tutto io

MANTOVA. Regione Lombardia aveva proposto all’ex direttore generale dell’Asst di Mantova, Raffaello Stradoni, di andare in pensione all’inizio del prossimo anno avendo già maturato l’età per mettersi a riposo.

A quanto pare, però, l’ex manager sanitario del Carlo Poma si sarebbe rifiutato, rilanciando la sua volontà di terminare il mandato a fine 2023. Questo atteggiamento, sommato all’ormai neanche tanto velato obiettivo dei vertici milanesi di togliere una parte di autonomia ai direttori generali di Asst e Ats, avrebbe influito sul trasferimento di Stradoni all’Ats della Montagna a Sondrio.

L’improvviso

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Gazzetta di Mantova la comunità dei lettori

Video del giorno

Maltempo in Grecia, un pullman viene "inghiottito" da una voragine

La guida allo shopping del Gruppo Gedi