Evasione fiscale: 18 arresti, sequestrati 250 conti

Interessate le province di Brescia, Milano, Bergamo, Mantova, Lodi, Alessandria, Novara, Varese, Parma, Piacenza

BRESCIA. Dalle prime ore della mattina, in tutto il territorio nazionale, 150 carabinieri del Comando Provinciale di Brescia stanno eseguendo una misura cautelare (coercitiva, interdittiva e patrimoniale) nei confronti di numerose persone ritenute responsabili di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di reati tributari e di appropriazione indebita al fine di agevolare alcune società nella sistematica evasione delle imposte sul reddito e sul valore aggiunto, attraverso l'emissione di fatture per operazioni inesistenti e conseguente «trasferimento fraudolento di valori». Sono state anche accertate e contestate condotte relative alla detenzione ai fini dello spaccio di ingenti quantitativi di droga, ed in particolare hashish e cocaina. Contestualmente, i carabinieri stanno eseguendo sequestri preventivi di beni mobili e immobili per un ammontare complessivo pari a circa 13 milioni di euro. 

Sono 18 gli arresti scattati questa mattina nell'ambito di un'inchiesta del sostituto procuratore Roberta Panico della Dda di Brescia su un'associazione per delinquere finalizzata all'evasione fiscale. L'operazione ha interessato le province di Brescia, Milano, Bergamo, Mantova, Lodi, Alessandria, Novara, Varese, Parma, Piacenza. Sono stati sequestrati 51 beni tra mobili ed e immobili, le quote societarie di quattro imprese, una villetta a Chiari nel Bresciano, quattro in provincia di Brescia, Milano e Bergamo, 7 autorimesse, un magazzino commerciale, due terreni in provincia di Brescia e 250 conti correnti in Italia. 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

La Gazzetta in campo - La pallavolo

La guida allo shopping del Gruppo Gedi