Mantova, controlli straordinari durante Festivaletteratura: identificate 317 persone

Diciassette avvisi orali e ventitré fogli di via a carico di altrettanti pregiudicati. Nascosto in una siepe dei giardini Nuvolari tutto l’occorrente per lo spaccio di hashish

MANTOVA. Ventitré posti di controllo, 21 esercizi pubblici ispezionati, 211 veicoli fermati e 317 persone identificate, di cui 72 con precedenti. Questi i numeri delle operazioni di controllo straordinario del territorio disposte dal questore di Mantova, Paolo Sartori, durante i giorni di Festivaletteratura, che ha moltiplicato l’afflusso di turisti e visitatori. Operazioni terminate la mattina del 14 settembre.

Le attività si sono concentrate nelle aree del centro storico (con particolare attenzione ai giardini del Lungorio, in piazza Cavallotti, ai giardini Nuvolari e di viale Piave, in piazza Don Leoni), nei quartieri di Lunetta, Cittadella, Colle Aperto e Borgo Angeli. E in diverse aree dei comuni di Borgo Virgilio, San Giorgio e Porto Mantovano. Con l’impiego di personale della Questura, dell’Arma dei carabinieri, della Guardia di finanza, del reparto Prevenzione del crimine della Polizia di Reggio Emilia, della Polizia Locale di Mantova, della Stradale e della Polfer.

Nel dettaglio, riferisce la Questura tre episodi. Nel corso di un controllo in viale Te, gli agenti della squadra Volante hanno sorpreso un ventenne con alcuni grammi di hashish: l’uomo è stato segnalato alla Prefettura come consumatore di sostanze stupefacenti. Altra droga è stata trovata nei giardini Nuvolari, nei pressi del MaMu, dove, nascosti in una siepe, c’erano 15 grammi di hashish, un coltello, un bilancino di precisione e il materiale per il confezionamento delle dosi. Un altro intervento ancora è stato effettuato a bordo di un autobus di linea Apam: alcuni giovani stavano creando disordine dopo essere stati sorpresi senza biglietti. Morale, i ragazzi sono stati identificati dagli agenti e quindi multati dai controllori.

Altri numeri: 17 gli avvisi orali nei confronti di altrettanti pluripregiudicati «sorpresi in atteggiamenti e luoghi sospetti, in relazione ai quali si ha fondato motivo di ritenere che vivano con i proventi dei reati commessi»;  23 i fogli di via obbligatori «a carico di altrettanti cittadini italiani gravati da precedenti penali e di Polizia, residenti in Comuni di altra Provincia e senza alcun titolo per permanere sul nostro territorio».

«Anche  questa edizione di Festivaletteratura, che ha segnato il sostanziale ritorno alla normalità, si è svolta in assoluta sicurezza, consentendo ai nostri concittadini, e alle numerosissime altre persone giunte a Mantova, di assistere in tranquillità agli eventi e di visitare palazzi storici e musei della nostra città – sottolinea Sartori – Ciò è stato possibile grazie all’impegno straordinario di tutti coloro che sono stati impiegati nei servizi di ordine e sicurezza pubblica, e alle ottimali sinergie e alla collaborazione che si sono create con il comitato organizzatore della manifestazione».

Video del giorno

Turchia, la furia del minatore non pagato: sale sull'escavatore e distrugge i camion

La guida allo shopping del Gruppo Gedi