Contenuto riservato agli abbonati

Cracking Versalis: lo stop resta Cgil, Uil e Regioni all’attacco

Muro contro muro al ministero, Filctem e Uiltec manifestano in strada a Roma. La Femca Cisl nazionale tace e non va al presidio: frattura del fronte sindacale?

MANTOVA. Da una parte: Eni-Versalis che conferma di voler procedere alla chiusura dell'impianto cracking a Porto Marghera. Dall’altra: Cgil e Uil, con i sindacati di categoria Filctem e Uiltec, che affiancati dalle Regioni Emilia Romagna, Veneto e Lombardia ribadiscono il loro “no” a quella politica dei due tempi che punta a «riconvertire soltanto chiudendo» un impianto da cui dipende il futuro dei petrolchimici di Mantova, Ferrara e Ravenna.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Gazzetta di Mantova la comunità dei lettori

Video del giorno

Halloween a tavola: afrodisiaca e antispreco, cosa c'è da sapere sulla zucca

La guida allo shopping del Gruppo Gedi