Parte da Mantova il “Nuvolari” della rinascita: 270 auto e tante novità nel percorso

La mattina del 17 settembre le vetture storiche (96 anteguerra) hanno lasciato piazza Sordello. Domenica il ritorno per la premiazione. In testa per ora Moceri-Pizzuto su Fiat 508C

MANTOVA. La 36ª edizione, la prima dopo il Covid, con 290 iscritti, 270 partenti e 96 auto anteguerra e «i migliori piloti di specialità di tutto il mondo». Così si esprime Claudio Rossi, presidente di Mantova Corse, in occasione del Gran Premio Nuvolari, partito la mattina del 17 settembre da Piazza Sordello, alla presenza del vicesindaco Giovanni Buvoli, del sindaco di Castel d’Ario Daniela Castro, del questore Paolo Sartori, del viceprefetto Giorgio Spezzaferri e di rappresentanti di Polizia, Carabinieri, Guardia di finanza e Polizia locale.

«Un’edizione con grandi novità, tra cui la prova sul circuito del Mugello – scandisce Rossi – nella seconda tappa toccheremo l’Umbria, dove arriveremo all’autodromo di Magione e, soprattutto, tante strade nuove che faranno la gioia di tanti appassionati».

Parte da Mantova il Gran premio Nuvolari: rombi d'epoca in piazza Sordello

Tredici gli equipaggi composti da mantovani: Luciano Lui, in gara per la 26ª edizione consecutiva, a bordo di una Lancia Aprilia del 1939 con Enrica Vicchi; Marco Macori e Giorgio Girondi con una Jaguar del 1953; Ceccardi-Gamberini con Fiat 514 del 1930; Sisti-Corneliani con una Lancia spider del 1929; Savoia-Savoia con un’Alfa Romeo del 1937; Rovesta-Talassi Penitenti-Penitenti, entrambi su Mercedes rispettivamente del 1956 e  del 1965; Pelladoni-Gaioni, con un’Alfa Romeo 1900 del 1957; Ceccardi-Ceccardi, equipaggio al femminile con una Fiat 1200 cabriolet del 1961; Capra-Bruson, con un’Alfa Romeo Giulia spider del 1971; Rigo-Rigo, con una Mercedes del 1957; Morbio-Rinaldi con una Jaguar del 1952.

La tappa è proseguita verso Modena, il Mugello, Cesenatico e Rimini. Questo il programma di oggi: da Rimini verso Urbino, poi il passo di Bocca Serriola, Città di Castello, fino a Magione, all’Autodromo dell’Umbria, il Lago Trasimeno e il break al Golf Club Lamborghini di Panicale, Castiglione del Lago, Cortona, in Piazza Grande ad Arezzo, la Repubblica di San Marino e Rimini, lungo la passerella di Piazza Tre Martiri.

Domenica 19 settembre il ritorno a Mantova; le prove cronometrate di Meldola apriranno l’ultima tappa, seguite dal passaggio dalla Scuderia di Formula 1 Alpha Tauri di Faenza. Dopo il transito da piazza Ariostea a Ferrara, gli equipaggi rientreranno in terra mantovana. I controlli a timbro di Bondeno, Poggio Rusco, San Giacomo, Bondanello e il pranzo nell’ abbazia di San Benedetto Po chiuderanno la competizione che terminerà in piazza Sordello.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Metropolis/9, Castelli: "Ecco quanto metteremo contro il caro bollette e i ristori in arrivo"

La guida allo shopping del Gruppo Gedi