Contenuto riservato agli abbonati

Mantova, anche amministratori e agricoltori dicono no alla centrale nucleare

I sindaci di San Benedetto Po e Viadana: sarebbe contraria alla nostra visione politica degli ultimi anni

Sandro Mortari

No al nucleare. Viadana e San Benedetto Po, i territori individuati tempo fa dal governo come sedi di centrale all’atomo, chiudono la porta all’ipotesi rilanciata dal leader della Lega Salvini per ridurre la bolletta energetica delle famiglie. Contrario anche il mondo dell’agricoltura, con la sola Confagricoltura pronta a discuterne.

Comuni contrari

Il primo cittadino di San Benedetto Po, Roberto Lasagna, è esplicito: «Una centrale nucleare da noi – dice – andrebbe contro la visione politica nostra e dei territori vicini che punta ad essere green, in armonia con ambiente e territorio».

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Gazzetta di Mantova la comunità dei lettori

Video del giorno

Maltempo in Grecia, un pullman viene "inghiottito" da una voragine

La guida allo shopping del Gruppo Gedi