Via alla fiera di Bozzolo: cibo, cultura e sport

Il simbolo della manifestazione è una forchetta con tagliatelle. Fino a martedì 28 settembre visite guidate da baby ciceroni musica, teatro, ciclismo, tennis Domenica con i madonnari

BOZZOLO. Dopo quella dello scorso anno, risultata inevitabilmente un po' sottotono per colpa del Covid-19, ritorna in pieno la fiera settembrina, che comincia venerdì 24 settembre per concludersi martedì 28. Una forchetta con le tagliatelle ne è il simbolo, che richiama la terza “Festa dli fujadi”, tagliatelle presentate con vari condimenti e pietanze nelle serate da domani a martedì, ma si va oltre la gastronomia con iniziative di cultura, sport e musica.

Protagonisti anche i bambini del Cred, giovani “guide” per accompagnare a visitare domenica alle 10.30 la Fondazione Mazzolari, alle 16 l'Ecomuseo “Nonsolocose”, alle 17.30 la Chiesa palatina di San Francesco.

Si parte quindi con il locale “Teatro delle Miserie” che, alle 21, mette in scena “Certe lettere d'amore” e “Des Femmes Amoureuses” in sala Civica.

Il momento clou di domani sarà alle 15 con la gara ciclistica 60° Coppa Città di Bozzolo - 45° Trofeo Gs Avis Bozzolo. Dalle 22, infece, ci sarà la Beer Fest.

Domenica, su iniziativa dell'Aido, un bel gruppo di Madonnari, che per consuetudine partecipano al raduno delle Grazie, si metterà al lavoro in via Matteotti dalle 10. Aido promuove pure alle 14.30 il 1° concorso giovani madonnari “Un dono per la vita”. Tante le bancarelle di hobbisti, alle 16 finale del Trofeo singolare Maschile città di Bozzolo di tennis, alle 17 esibizioni di spinning, e alle 21 sul sagrato della Chiesa della Santissima Trinità il tributo ad Ennio Morricone del Manto Quintet.

Lunedì 27 tra le iniziative il “Logica-mente”, dalle 16: rompicapi, quiz e misteri per ragazzi dai 7 agli 11 anni. Protagonista infine del martedì 28 il concerto della Banda Santa Cecilia di Bozzolo alle 21 sul sagrato della Chiesa della Trinità.

Video del giorno

Prostituzione e violenze sessuali, sgominata a Bologna banda che reclutava giovani ragazze albanesi

La guida allo shopping del Gruppo Gedi