Sciopero dipendenti Mps: lasciati all’oscuro di tutto meritiamo più rispetto

Fusione con Unicredit: la protesta anche nel Mantovano. Lettera aperta dei lavoratori ai cittadini: «Rischiamo di pagare noi il conto della crisi»

MANTOVA. Sciopero dei dipendenti mantovani di Mps come in tutte le altre sedi italiane per chiedere chiarezza sull’operazione di fusione con Unicredit, un incontro con il governo e un confronto sul futuro della banca senese, sulle ricadute occupazionali di tutto il gruppo e dell’indotto, contro l'ipotesi “spezzatino” e per scongiurare la paventata chiusura di 50 filiali in tutto il Paese. Quattro i presidi in piazza a Milano, Roma, Bari e Siena di fronte alla sede storica di Rocca Salimbeni.

Una mobilitazione quella proclamata dai sindacati del settore di Cgil, Cisl e Uil accompagnata da una lettera aperta dei lavoratori ai cittadini. «Siamo le lavoratrici e i lavoratori del Gruppo Monte dei Paschi di Siena - si legge nel documento congiunto Fabi, Uilca, First, Fisac, Unisin – In questi anni avete sentito parlare della nostra banca come di un problema. Invece noi siamo le persone che, nonostante le difficoltà, hanno lavorato con dedizione per rendere alla nostra clientela un servizio competente e rispondente alle esigenze. Oggi siamo in sciopero perché il nostro futuro è incerto: non sappiamo per quale azienda lavoreremo, se la nostra professionalità sarà salvaguardata, se lavoreremo nella stessa città, quale mansione saremo chiamati a svolgere. Oppure se saremo considerati esuberi, cioè persone di troppo che non servono più». La responsabilità «non è nostra – aggiungono – ma siamo noi, lavoratrici e lavoratori del gruppo Monte dei Paschi di Siena, a rischiare di pagarne il conto. Un conto salatissimo». E hanno scioperato «perché meritiamo rispetto e per chiedere di essere coinvolti da subito nel progetto che deve riguardare il complesso dei dipendenti dell'intero gruppo, e non solo una parte, per contrattare le garanzie di un futuro dignitoso e sostenibile. Per tutte e per tutti noi. Vi chiediamo lo sforzo di comprendere le nostre ragioni e di essere solidali con la nostra protesta».

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Maltempo in Grecia, un pullman viene "inghiottito" da una voragine

La guida allo shopping del Gruppo Gedi