Contenuto riservato agli abbonati

A Mantova la spinta di TedX: il cambiamento è ancora possibile se tutti lo cerchiamo

Dito puntato contro l’indifferenza: «Non è più il momento di fare finta di niente, serve un movimento dal basso»

MANTOVA. Le note di Marco Remondini e l’arte multiforme del burattinaio Giorgio Gabrielli hanno aperto la terza edizione di TEDx Mantova al teatro Sociale. L’evento è cominciato con i saluti di Paolo Braguzzi, uno degli ideatori, chiamato sul palco dal maestro di cerimonie, Diego Fusari. Braguzzi ha ricordato l’obiettivo dei TEDx: «Andiamo in giro a scovare speaker che possano portare un contributo di riflessione, idee che muovano all’azione per contribuire al progresso delle nostre comunità».

Si

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Gazzetta di Mantova la comunità dei lettori

Video del giorno

Egitto, per la prima volta l'arte contemporanea in mostra ai piedi delle Piramidi di Giza

La guida allo shopping del Gruppo Gedi