Traffico di droga dalla Toscana alla Sardegna: un indagato anche a Borgo Mantovano

Sei arresti nell’operazione “Mandra” dei carabinieri di Livorno. Autotrasportatore mantovano nei guai

BORGO MANTOVANO. Operazione antidroga dei carabinieri di Livorno, che nelle prime ore di questa mattina hanno dato esecuzione a sei ordinanze di custodia cautelare in carcere e a una per obbligo di dimora, emesse dal gip di Firenze su indagine coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia, nei confronti di sette persone, italiane ed albanesi, ritenute responsabili di «associazione finalizzata al traffico di stupefacenti» e «traffico illecito di sostanze stupefacenti» nelle province di Livorno, Pisa, Cagliari, Nuoro e Mantova.

In tutto risultano 11 gli indagati: oltre agli arresti anche quattro denunce. Tra gli indagati anche un autotrasportatore di Villa Poma (Borgo Mantovano), cui questa mattina è stata perquisita l’abitazione.

A dirigere l’operazione “Mandra”, supportati dai colleghi dei territori competenti, sono stati i carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale di Livorno. A capo del traffico secondo «le indagini - dichiarano i militari - un 44enne di origine nuorese». L’uomo però da tempo abita in provincia di Pisa.

I trafficanti portavano la droga dal continente in Sardegna, approvvigionandosi di vari tipi di stupefacenti (marijuana, cocaina ed eroina) da due cittadini albanesi, che abitano a Livorno.

Il traffico procedeva poi via mare, con i corrieri che portavano sull’isola la merce. La base della banda era nelle campagne pisane, dove il 44enne ha un’azienda agricola.

Una volta arrivata in Sardegna la merce veniva smerciata grazie a una capillare rete di distribuzione ed arrivava alla vendita al dettaglio, secondo quanto ricostruito dai carabinieri.

Sono stati documentati vari episodi di traffico di stupefacenti (un quintale di droghe di vario tipo), con tanto di sequestri da 30 chili di marijuana e 2,8 chili di eroina.

***

Alle 16.05 l’articolo è stato aggiornato e corretto, la perquisizione infatti è avvenuta a Volta Mantovana e non a Borgo Mantovano come inizialmente riportato dai carabinieri

***

Alle 17.25 l’articolo è stato nuovamente aggiornato, l’indagato è di Villa Poma (Borgo Mantovano) e non Volta Mantovana. Secondo le ricostruzioni dei carabinieri

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Maltempo in Grecia, un pullman viene "inghiottito" da una voragine

La guida allo shopping del Gruppo Gedi