Contenuto riservato agli abbonati

La Provincia di Mantova allunga la convenzione con il futuro gestore unico dell’acqua

Aqa erogherà il servizio idrico integrato sino al 2037. Ora manca solo l’ingresso di Sisam fissato per metà 2024

MANTOVA. La Provincia ha firmato con Aqa, il futuro gestore unico del servizio idrico integrato nel Mantovano, la convenzione che chiude il percorso di fusione con Tea acque e delinea quello per l’ingresso di Sisam nella società. Innanzitutto, viene messo nero su bianco che la concessione del servizio viene allungata dal 17 novembre 2025 al 28 novembre 2037.

Era un passaggio scontato, soprattutto dopo la fusione con Tea Acque e il via libera ottenuto all’aumento tariffario in cambio di un sostanzioso investimento in acquedotti, depuratori e reti fognarie tra il 2020 e il 2037: 87 milioni di euro nei primi tre anni per arrivare a 300 a fine concessione.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Gazzetta di Mantova la comunità dei lettori

Video del giorno

Elezione del presidente della Repubblica, quinta votazione a Montecitorio

La guida allo shopping del Gruppo Gedi