Contenuto riservato agli abbonati

Po Grande, obiettivi sviluppo sostenibile e turismo di prossimità

Confronto tra enti a Colorno nell’ambito del Mab Unesco. Si punta anche ai fondi del Piano di ripresa e resilienza

OLTREPO’ MANTOVANO. «Bisogna aumentare le sinergie e mettere a sistema le eccellenze di un territorio che ne è ricco, ancora di più dopo la pandemia che ha favorito il turismo di prossimità»: è quanto emerso dal confronto che si è svolto nei giorni scorsi a Colorno nell'ambito del Mab Unesco Po Grande.

Proporre un modello di sviluppo sostenibile del Po, basato su agricoltura, turismo, patrimonio ambientale e culturale, era l’obiettivo dell’incontro organizzato dall’Autorità di Bacino distrettuale del Po e Touring Club Italiano, insieme a Casa dell’Agricoltura e Catap all’Aranciaia di Colorno.

Il

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Gazzetta di Mantova la comunità dei lettori

Video del giorno

Metropolis/15, Bonino: "Casellati ha esposto la sua persona e l'istituzione che rappresenta. Non si fa"

La guida allo shopping del Gruppo Gedi