Contenuto riservato agli abbonati

Mantova, pugni e una bastonata per punire il sorpasso: il caso in tribunale

L’aggressione avvenne lungo l’autostrada due anni fa. Quaranta giorni di prognosi per l’automobilista pestato

MANTOVA. Una violenta lite tra automobilisti in A22, scoppiata a quanto pare per un sorpasso azzardato nei pressi del casello di Mantova nord a San Giorgio, è approdata ieri mattina davanti al giudice per le indagini preliminari Serra Cassano.

Imputato Davide Cafaro, 55 anni, residente a Goito. I fatti a lui contestati risalgono al 14 giugno di due anni fa.

Secondo l’accusa, quel giorno, alla guida della sua Audi A8, dopo aver sorpassato una Seat Ibiza condotta da un turista di Bolzano con a bordo la famiglia, ne avrebbe intralciato la marcia mettendosi di traverso ed effettuando manovre tali da costringere l’automobilista a fermarsi nella piazzola spartitraffico dove, poco dopo, è stato raggiunto dall’imputato.

Quest’ultimo ha estratto dal bagagliaio un bastone in gomma con il quale ha tentato di colpire il turista tedesco che è riuscito ad evitare il colpo, riparandosi all’interno dell’abitacolo della Seat, chiudendosi dentro.

Ma, con lo stesso bastone l’imputato è riuscito ad ammaccare la portiera dell’auto sul lato guida.

Il bolzanino, a quel punto ha aperto la portiera per tentare di difendersi ma ha rimediato un violentissimo pugno in faccia, riportando lesioni al labbro e allo zigomo con una prognosi superiore ai quaranta giorni.

Cafaro avrebbe poi ripreso il suo viaggio in autostrada mentre l’automobilista picchiato chiamava la polizia. Pochi minuti dopo, infatti è stato fermato da una pattuglia della Polstrada di Verona sud che, all’interno del bagagliaio, gli ha trovato il bastone di gomma. Da qui la denuncia all’autorità giudiziaria, con la richiesta di rinvio a giudizio.

L’udienza, per permettere e al difensore Silvia Ebbi di leggere le carte dell’indagine, è stata rinviata a marzo. Davide Cafaro deve rispondere di violenza privata, danneggiamento e lesioni personali gravi.

All’epoca dell’episodio era diretto a sud per trovare dei parenti.

Video del giorno

"Ho convinto i grandi a installare i pannelli solari e a 11 anni sono alfiere della Repubblica"

La guida allo shopping del Gruppo Gedi