Aggiunto alla targa dei benefattori il nome della Cobelli

La donna ha lasciato terreni e un immobile al Comune di Cavriana: ora ospita il centro anziani. Domenica la cerimonia per ricordare la donna

CAVRIANA. Domenica alle 10.45 l'amministrazione guidata dal sindaco Giorgio Cauzzi scoprirà la nuova targa con i benefattori del paese. Dopo quasi un secolo e mezzo, infatti, si aggiunge alla storica lista il nome di Emanuela Ornella Cobelli. La donna, scomparsa un anno fa, ha lasciato come donazione al Comune e alla popolazione del paese alcuni terreni agricoli e una parte di un immobile in via Tezze. «In questa struttura - spiega il sindaco Giorgio Cauzzi - abbiamo spostato, da alcuni mesi, il centro anziani, grazie alla collaborazione che ci ha dato proprio chi ne usufruisce. Inoltre, a breve, ci sposteremo la sede del Gal, dato che l'attuale è ormai diventata un po’ stretta. Inoltre resta ancora spazio, oltre a un grande giardino che si collega con un'area verde del Comune. In queste settimane ci siamo interrogati sul ricordo della Cobelli, e l'assessore Paolo Cauzzi ha avuto l'idea di aggiungere il nome di questa nostra illustre concittadina a questa lapide che ci trova in piazza, sotto la loggia».

La cerimonia, dunque, è fissata per domenica, alle 10.45, subito dopo la messa. «Ci saranno anche alcuni cittadini di Langhirano, paese adottivo della Cobelli, che verranno qui per assistere alla cerimonia e ricordare con noi questa importante donna, imprenditrice e benefattrice».

Emanuela Cobelli, conosciuta da tutti come Ornella, era nata a Varese nel 1954, ma era cresciuta e aveva vissuto a lungo nel Mantovano, a Cavriana. Da anni, dopo aver vissuto sulle colline moreniche, si era trasferita a Langhirano, in provincia di Parma, «ma non aveva mai smesso di pensare e frequentare il nostro paese – ricorda il sindaco Cauzzi – e questo legame la portava a tornare, spesso e volentieri, qui in collina. Un legame forte che l'ha portata ha lasciare questo immobile e i terreni al nostro comune». 

Video del giorno

Metropolis/13, Folli: "Se fossi Salvini ci penserei due volte a candidare Casellati"

La guida allo shopping del Gruppo Gedi