Doppio vaccino agli over 80, a Mantova partenza lenta

Poche somministrazioni dell’antinfluenzale e dell’anti Covid nella stessa seduta. Nei primi due giorni solo 85 ultraottantenni si sono recati ai centri vaccinali

MANTOVA. Sono già alcune centinaia i mantovani over 80 che nel primi cinque giorni di avvio della campagna per la terza dose del vaccino anti Covid hanno prenotato l’appuntamento, ma al momento sono pochi quelli si sono recati nei centri vaccinali.

Tra l’altro, ci si aspettava un effetto traino da giovedì scorso, quando è partita anche in provincia di Mantova la doppia somministrazione nella stessa seduta del vaccino anti-Covid e dell’antinfluenzale.

Un avvio della terza fase piuttosto lenta, quindi, nonostante l’Asst sottolinei che gli slot disponibili ogni giorno in provincia di Mantova siano circa novecento. La corsa al doppio vaccino non c’è stata: nei primi due giorni di doppia somministrazione gli ultraottantenni mantovani sono stati 35 giovedì e 50 venerdì.

LA DOSE DI RICHIAMO

La dose di richiamo o “booster” coinvolge al momento 24mila over 80 tra Mantova e Cremona (Ats Val Padana) che, essendo già trascorsi sei mesi dalla seconda vaccinazione, hanno quindi già maturato i requisiti per accedere alla terza somministrazione.

IL DOPPIO VACCINO

Dal 7 ottobre anche nei centri vaccinali di Atsd ella Val Padana esiste la possibilità di co-somministrare nella stessa seduta il vaccino anti Covid-19 e il vaccino antinfluenzale. Con l’avvio della campagna di vaccinazione antinfluenzale, infatti, alcune categorie per le quali il vaccino stagionale contro l’influenza è raccomandato e offerto gratuitamente sono allo stesso tempo già pronte per ottenere la terza dose.

Attraverso una circolare del 2 ottobre, il ministero della Salute, d’intesa con consiglio superiore di sanità, Aifa e Istituto superiore di sanità ha ufficializzato la possibilità di programmare la somministrazione dei due vaccini, nel rispetto delle norme di buona pratica vaccinale, nella medesima seduta.

La co-somministrazione del vaccino antinfluenzale e del vaccino anti Covid-19 permette di evitare a coloro che intendono sottoporsi ad entrambe le vaccinazioni di recarsi due volte presso il centro vaccinale. E proprio per questo motivo l’Unità di crisi regionale ha ritenuto importante attivarsi – attraverso le Ats e le Asst– per garantire quanto prima l’offerta agli ultraottantenni che si stanno vaccinando con la terza dose booster.

DOVE VACCINARSI

I centri vaccinali mantovani che offrono la co-somministrazione sono: Castel Goffredo, palazzetto dello Sport (via Svezia 10); Mantova, Grana Padano Arena (via Melchiorre Gioia 3); Ostiglia, centro commerciale La Ciminiera (piazza Mondadori Milano 19); Viadana, MuVi (via Manzoni 4).

NUOVE NOMINE AL POMA

L’incarico di direttore del dipartimento Cardio Toraco Vascolare dell’Asst di Mantova, da tempo vacante, è stato conferito a Manfredo Rambaldini, primario della Cardiochirurgia. Sono stati confermati tutti gli altri direttori di dipartimento: Luigi Boccia (Chirurgico- Ortopedico; Gian Paolo Castelli (Emergenza-Urgenza); Angela Bellani (Fragilità); Valeria Fasolato (Materno-infantile; Mauro Pagani (Medico); Alfonso Ciccone (Neuroscienze); Giuseppe Capovilla (Salute Mentale e delle Dipendenze); Luigi Miserocchi (Servizi).

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

La top model Gisele Bündchen salva una tartaruga marina intrappolata in una rete e la libera in mare

La guida allo shopping del Gruppo Gedi