Alto Mantovano, prosegue la raccolta reclami sul caso bollette pregresse

Federconsumatori: «Abbiamo inviato la richiesta di annullare i pagamenti. Ma Sicam non ci sente. Se l’atteggiamento persiste, faremo una class action»

CASTEL GOFFREDO. In attesa della sentenza del Giudice di Pace, Federconsumatori prosegue la raccolta dei reclami per le bollette sulle Partite Pregresse: ad Asola, il giovedì, in via Belfiore dalle 15 alle 18; a Castiglione, in via Desenzani, il sabato mattina dalle 9 alle 12, e a Mantova, nella sede di Cgil dalle 15 alle 18 il lunedì, martedì e mercoledì. «Ne stanno arrivando - spiega il presidente Luigi Pace - e noi li gestiamo tutti. Invitiamo i cittadini a contattarci senza problemi». Federconsumatori poi, in una lettera aperta a Sicam, ricostruisce nel dettaglio la vicenda, nata il 30 dicembre '19 per il «recupero partite pregresse dal 2006-2011. La scadenza indicata per il pagamento era il 30 dicembre 2020». L'Associazione ricorda che «l'azione davanti al Giudice e di pace, sulla carta, appariva l'opzione più rapida. La causa è attualmente pendente e in attesa dell'emissione della sentenza. Nella causa viene contestata la violazione del principio di non retroattività della norma in relazione all'applicazione della delibera Arera e del relativo regolamento. Principio confermato dalla Corte di Cassazione nella sentenza del giugno scorso; la violazione della normativa di settore in relazione al modo di calcolare le partite pregresse; la violazione normativa sulla prescrizione (in relazione ai 5 anni dal 2014 ed i 2 anni dal 2016) e, infine, la violazione dei principi del Codice del Consumo sulla mancanza di preventiva informazione e sul comportamento secondo buona fede». E conclude: «A seguito della sentenza della Cassazione, abbiamo inviato una richiesta a Sicam affinché, spontaneamente e coerentemente con la decisione, provvedesse ad annullare quelle bollette; interrompesse le azioni intraprese di solleciti "bonari" nei quali minacciava espressamente la sospensione del servizio di fornitura idrica e restituisse quanto eventualmente incassato. Sicam nuovamente, rispondeva respingendo ogni potenziale dialogo, riteneva di poter ignorare il precetto della Cassazione e indicava l'intenzione di proseguire nelle azioni recuperato. Federconsumatori cercherà di instaurare nuovamente un dialogo con l'Azienda e, nel caso di ulteriore rifiuto, predisporrà una Class Action». 

Video del giorno

Covid, Brusaferro: "Ecco le differenze tra l'epidemia oggi e un anno fa senza vaccini"

La guida allo shopping del Gruppo Gedi