Furto in chiesa, il parroco pubblica il video sui social

Il raid a Cogozzo, rubate anche le offerte per la Caritas. Don Spreafico: «Toglieremo le cassette, meglio il Pos»

VIADANA. Un ladruncolo è entrato in azione nella chiesa di Cogozzo. Il blitz, della durata di un paio di minuti, è avvenuto nella giornata di martedì, ed è stato ripreso dalla telecamera interna. Il parroco don Andrea Spreafico ha pubblicato il video sui canali social dell’unità pastorale “Beata Vergine delle Grazie”, cogliendo l’occasione per annunciare che le tradizionali cassette per le offerte verranno dismesse, in quanto non è la prima volta che si verificano episodi del genere.

Proprio i precedenti furti avevano indotto la parrocchia a installare un sistema di videosorveglianza: la chiesa infatti non è presidiata dalla presenza fissa di un prete. Le immagini catturate dalla telecamera mostrano un giovane moro, piuttosto alto, col viso coperto dalla mascherina chirurgica. Lo sconosciuto indossa scarpe da ginnastica bianche, una tuta nera con cappuccio e un giubbotto smanicato blu. Lo si vede dare un’occhiata alla situazione, nascondersi dietro una colonna, estrarre dalla tasca una torcia luminosa e un oggetto flessibile (o una cordicella provvista di adesivo a un capo), e con quelli rovistare nella fessura della cassetta per sottrarne il contenuto. Verosimilmente un bottino da pochi euro.

Prima di allontanarsi, il ladro rovista tra i generi alimentari e i beni di prima necessità della raccolta Caritas, e se ne porta via una sportina. «Visto che le scorribande continuano – spiega don Spreafico – nei prossimi giorni toglieremo le cassette per le buste di fronte agli altari». I fedeli che desiderano fare un’offerta alla comunità, sono pregati di utilizzare i cestini durante le messe, oppure di consegnarla a mano al parroco. «Anche le cassette per le candele sono a prova di ladro, così come il bussolotto elettronico in chiesa a Cicognara».

Il bussolotto col pos (il dispositivo per il pagamento elettronico mediante carta di credito o bancomat) è attivo a Cicognara da meno di un anno, primo nella diocesi di Cremona e non solo, e sembra essere già entrato nelle abitudini dei parrocchiani: nel corso del 2021 sono state infatti versate un centinaio di offerte (per le spese di sagrestia e oratorio, per le opere benefiche della Caritas, per il sostentamento dei preti), per un totale di quasi tremila euro. RICCARDO NEGRI

Video del giorno

Omnia Mantova - Toh, ci fu il Trecento

La guida allo shopping del Gruppo Gedi