Contenuto riservato agli abbonati

«Svegliati in piena notte dai lamenti dei maiali»: in paese cresce la protesta

I gestori di bed and breakfast puntano il dito contro le attività del macello Troni: «Situazione insostenibile Animalisti, dove siete?»

MONZAMBANO. «Mi hanno svegliata alle 4 del mattino, erano rumori spaventosi, sembrava un film horror». A parlare è Cinzia Cavicchini, titolare di un bed and breakfast a Monzambano. Lei, la collega Enrica Rudari e altri albergatori del paese puntano il dito contro il macello Troni. «La situazione è insostenibile – dice Rudari – Oltre ai bovini l’azienda ora lavora anche con i maiali che emettono urla strazianti.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Gazzetta di Mantova la comunità dei lettori

Video del giorno

Omnia Mantova - Toh, ci fu il Trecento

La guida allo shopping del Gruppo Gedi