Al volante ubriachi, cinque denunciati a Mantova

Controlli della polizia stradale nel weekend: fermate 75 auto e 96 persone. Al lavoro 4 pattuglie

MANTOVA. Nell’ambito delle iniziative per limitare il grave fenomeno degli incidenti stradali, anche con conseguenze mortali, causati da abuso di sostanze alcoliche e stupefacenti e dalla contestuale violazione delle norme che regolano la velocità,  che vedono coinvolti quasi esclusivamente giovani frequentatori di discoteche e altri locali pubblici, la sezione della polizia Stradale di Mantova ha disposto mirati servizi nelle zone limitrofe a discoteche e ritrovi notturni, vista la riapertura dopo il lockdown.

Premesso che questi servizi hanno l’obiettivo prevalente di segnalare la presenza della polizia per sensibilizzare i giovani al rispetto delle norme oltre che per la loro sicurezza, sabato 16 ottobre tra mezzanotte e le sei, sono state impiegate 4 pattuglie della “specialità”, coordinate dal dirigente di piazza Virgiliana, il vicequestore Laura Patrizi  che hanno controllato 75 veicoli e 96 persone; di queste, 6 sono state fermate alla guida sotto l’influenza di alcolici, con tassi da 0.80 g/l a 1.26 g./l. Cinque di loro sono stati denunciati alla Procura e segnalati al Prefetto di Mantova per la sospensione della patente di guida.

Durante i controlli un conducente 24enne è stato trovato in possesso di 4.30 grammi di hashish, in questo caso ritiro della patente per un mese e, vista la quantità non superiore ai limiti massimi indicati dal Ministero, segnalazione al Prefetto di Mantova per i provvedimenti di sua competenza.

Si segnala che durante la settimana appena trascorsa sono state complessivamente 13 le patenti ritirate per guida in stato di ebbrezza.

Nei prossimi weekend continuerà l’attività di contrasto alla guida in stato di ebbrezza e /o sostanze stupefacenti con l’impegno di pattuglie della Polstrada per rendere sempre più sicure le strade della nostra provincia.

Video del giorno

La fuga disperata dalla trappola russa

La guida allo shopping del Gruppo Gedi