Contenuto riservato agli abbonati

A Roncoferraro l’allevamento di pollame chiede il raddoppio dei capi

La società Liberelle ha presentato la richiesta di passare a quasi 800mila avicoli. Il vicesindaco: «Ci hanno illustrato un progetto rispettoso di animali e ambiente»

RONCOFERRARO. La società agricola Liberelle, con sede nel Ravennate e stabilimento a Roncoferraro in via Costa, ha presentato al Comune un progetto preliminare per il raddoppio dell’allevamento intensivo di polli, da 465mila capi a quasi 800mila.

L’intero iter burocratico per arrivare all’approvazione è all’inizio. Nel frattempo la società ha presentato in Provincia una richiesta di modifica non sostanziale per la riorganizzazione della gestione della pollina, richiesta per cui verrà convocata entro il 27 novembre una conferenza di servizi in forma semplificata e asincrona, cioè gli enti chiamati in causa, la stessa Provincia, il Comune di Roncoferraro e l’Arpa, dovranno inviare a Palazzo Di Bagno il loro parere.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Gazzetta di Mantova la comunità dei lettori

Video del giorno

La Gazzetta in campo - La pallavolo

La guida allo shopping del Gruppo Gedi