Contenuto riservato agli abbonati

Arianna, Youssef e gli altri: in piazza le storie dei precari

Copyright 2021 Stefano Saccani, all rights reserved

Potere al Popolo raccoglie i racconti degli sfruttati nella città del turismo intensivo. Soldi fuori busta, tirocini a raffica e contratti a singhiozzo: «Va sempre peggio»

MANTOVA. Il lato in ombra della Mantova a propulsione turistica? Ha la faccia guasta del lavoro precario, dei soldi fuori busta, dei tirocini a raffica e dei contratti a singhiozzo. Ha l’alito cattivo dei ricatti soffiati a fior di labbra: «Se ti va bene è così, altrimenti quella è la porta». Perché tanto la fila è lunga. Precario, quasi acrobatico, il lavoro dietro i banconi, tra i tavolini e gli scaffali, che costringe i giovani (e non solo) a stare in equilibrio sul filo teso tra la necessità e la dignità.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Gazzetta di Mantova la comunità dei lettori

Video del giorno

Patrick Zaky, nel tribunale di Mansoura subito dopo l'annuncio del suo rilascio

La guida allo shopping del Gruppo Gedi