Contenuto riservato agli abbonati

Meno Frecce per Milano, la protesta dei pendolari arriva al Parlamento

La soppressione di alcune fermate dei treni alla stazione di Desenzano, con maggiori difficoltà per chi va a Milano, tocca anche l’Alto Mantovano

DESENZANO DEL GARDA. La soppressione di alcune fermate dei treni Freccia nella stazione di Desenzano è arrivata sui banchi del Parlamento. In particolar modo, grazie all’onorevole Paolo Formentini della Lega Nord, la questione è stata portata all’attenzione del ministro Giovannini. «Sopprimere la fermata desenzanese dell’ultima Freccia mattutina utile per raggiungere Milano è la scelta sbagliata al momento sbagliato. Un colpo duro per i pendolari, che vengono privati di un servizio di trasporto quotidiano fondamentale, ma anche per i turisti.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Gazzetta di Mantova la comunità dei lettori

Video del giorno

Elezione del presidente della Repubblica, prima votazione per il Quirinale a Montecitorio: diretta

La guida allo shopping del Gruppo Gedi