Camion abbatte passaggio a livello a Castellucchio, interrotta nella notte la Mantova- Milano

Ritardi e disagi per i pendolari. La protesta del comitato 

CASTELLUCCHIO. Un camion nella notte del 2 novembre, poco prima delle 4.30, ha tentato di attraversare il passaggio a livello di Castellucchio con le sbarre semi abbassate ma le ha abbattute, poi il conducente si è dato alla fuga. L’incidente  ha causato l’interruzione della tratta Mantova-Milano tanto che la  circolazione da Mantova per Piadena è ripresa solo alle 8.30 della mattina. Questo ha causato diversi ritardi e disagi per i pendolari visto che il treno delle 6.07 da Mantova è partito alle 8.30 e quello delle 6.42 è stato cancellato. L’episodio è avvenuto il giorno dopo l’altro problema sulla stessa linea, quando, sul treno partito da Milano alle 18.45,da uno dei vagoni sono improvvisamente partite delle scintille.Il treno

è stato fermato alla stazione di Marcaria.

Immediato il commento del comitato pendolari linea Mantova- Cremona- Milano.”Ed anche oggi, a causa di un guasto (esterno o ‘interno’ non importa) sta portando numerosi disagi ai pendolari della Mantova-Milano, come giovedì scorso, quando a causare i problemi era stata la caduta della linea aerea. Regione Lombardia, l’assessore Claudia Maria Terzi e Trenord non convocano più le riunioni di quadrante ”causa Covid” (le aziende si sono adoperate per lavorare in videoconferenza da marzo 2019, loro no?). Abbiamo richiesto a settembre un incontro a Cremona con il Comune di Cremona, la Provincia di Cremona per poter parlare con loro dei problemi che, comunque, nonostante il flusso di viaggiatori non sia ancora ripreso al 100%, permangono, ma non abbiamo ancora ricevuto risposte.Da chi non arriva risposta? Perché non è più possibile parlare dei problemi ferroviari?Pare che i tavoli “istituzionali”, dove si parla anche dei raddoppi, ci siano. Perché i rappresentanti dei viaggiatori devono saperlo solo dai quotidiani?”

Video del giorno

Operazione bomba nel Po: il momento dell'esplosione

La guida allo shopping del Gruppo Gedi