Rifiuti abbandonati vicino al campetto a Monzambano: c’è anche amianto

Il Comune ha provveduto a ripulire l’area. L’assessore: «Spesso ci segnalano episodi di questo tipo». In arrivo modifiche alla raccolta 2022

MONZAMBANO. Arriva dal Comune la notizia di un'importante bonifica di materiale inquinante abbandonato nei pressi della casa diroccata ubicata nel parco dietro il campo da basket, all'ingresso del paese. Tra le tipologie di rifiuto ritrovate, spiccano anche manufatti da costruzione contenenti amianto, lasciati da persone prive di scrupoli. Ora il Comune, oltre alla messa in sicurezza del luogo, dovrà smaltire i materiali. «Riceviamo di fatto numerose segnalazioni da parte di cittadini consapevoli, che hanno a cuore l'ambiente», afferma l'assessore all'ecologia, Davide Raja. E difatti c'è di tutto: abbandoni e sporcizia di piccole e grandi dimensioni. Alcune volte può trattarsi di un semplice sacchetto di modeste misure, ma in questo caso si parla di consistenze ben più pericolose: «Come amministrazione, lavoriamo ogni giorno alacremente, al fianco dei nostri operai e uffici che con impegno si adoperano per pulizie e controlli. Anche la polizia locale svolge il suo lavoro di ispezione e sanzione, con il supporto di indagini accurate che possono perdurare nel tempo».

In particolare, tornando alla superficie degli ex campi da tennis, l'area è di competenza del municipio, ed è oggetto di un progetto di riqualificazione a 360 gradi, con studi di fattibilità, per trasformarla in una sorta di polmone verde con zone dedicate alla popolazione. Infine, sono state preannunciate alcune modifiche sulla gestione della raccolta rifiuti per il 2022 che, secondo i piani dell'ente, permetteranno di dedicare più risorse a cura e pulizia dell'ambiente. «Solo insieme - conclude Raja -, possiamo combattere il fenomeno di chi rovina, sporca e inquina. Così potremo garantire salute, benessere e bellezza a tutti noi che viviamo questi splendidi territori».

Video del giorno

Metropolis/6, Molinari: "Se Salvini si fa kingmaker perdiamo stabilità dell'ultimo anno"

La guida allo shopping del Gruppo Gedi