Ex aequo alla Relevi per Filctem e Uiltec nell’elezione delle Rsu

Sono stati scelti Andrea Temporini (che è il candidato che ha raccolto in assoluto più preferenze con ben 46 voti), Marco Gozzi, Mirela Foresti, Olga Nahrna, Franco Burato e Barbara Pasotti

RODIGO. Si è concluso con un ex aequo per Filctem Cgil e Uiltec Uil il rinnovo delle Rsu nell’azienda chimica Relevi spa di Rodigo. Hanno partecipato al voto 202 tra lavoratrici e lavoratori su 263 aventi diritto ovvero il 76,52%. Sette le schede nulle, due quelle bianche, alle liste della Filctem e a quella della Uiltec sono andati 87 voti, 19 alla Femca Cisl. Le nuove Rsu sono quindi composte da tre delegati Cgil e tre Uil. Per la Filctem sono stati eletti Andrea Temporini (che è il candidato che ha raccolto in assoluto più preferenze con ben 46 voti ed è anche Rlssa ovvero responsabile dei lavoratori per la sicurezza), Marco Gozzi e Mirela Foresti. Per la Uiltec sono state confermate le Rsu uscenti Olga Nahrna, Franco Burato e Barbara Pasotti tutti anche Rlssa.

«Grazie ad un aumento importante di consenso alla nostra lista, per la prima volta la Cgil è primo sindacato in Relevi seppur ex aequo con la Uiltec che conferma i voti dell’ultima elezione di tre anni e mezzo fa – dichiara Andrea Loddi, Segretario della Filctem Cgil – Un ringraziamento a tutte le lavoratrici e lavoratori che con grande partecipazione hanno celebrato al meglio il momento di rinnovo della loro rappresentanza: una nuova Rsu unitaria, forte e riconosciuta, in cui spicca il risultato personale del nostro Andrea Temporini. Una Rsu da domani più pronta al periodo delicato che l’azienda avrà nella gestione futura a fronte del recente cambio di proprietà».

Stessa soddisfazione in casa Uiltec Uil: «Il grande lavoro di squadra fatto dalla Uiltec in questi anni – dichiara la segretaria Merelisa Scirè – ha premiato le nostre Rsu con una crescita sia di iscritti sia di consensi nelle urne, i nostri ringraziamenti ai lavoratori e alle lavoratrici di Relevi che hanno confermato anzi aumentato la loro fiducia nella nostra organizzazione in questa realtà e hanno partecipato numerosi al voto, un grazie anche alla commissione elettorale. Fare una previsione non era semplice, invece la Uiltec ha mantenuto anzi migliorato la propria rappresentanza premiando il lavoro svolto. Bravi tutti e soprattutto: squadra che vince non si cambia. Questa è un’azienda con una storia sindacale giovane e c’è ancora tanta strada da fare a livello di accordi sindacali».

Video del giorno

Elezione del presidente della Repubblica, prima votazione per il Quirinale a Montecitorio: diretta

La guida allo shopping del Gruppo Gedi