Camper: sosta vietata al campo canoa ma ancora niente multe

Ordinanza del Comune che non può essere applicata: manca la segnaletica, già acquistata e data in arrivo

MANTOVA. Arriva il weekend e torna il problema dei camper che parcheggiano gratis al campo canoa sottraendo posti alle auto. Come è successo nell’ultimo fine settimana, anche oggi si teme che gli autocaravan lascino libere delle piazzole a pagamento nella vicina area sosta di Sparafucile per prendere d’assalto il campo canoa, dove possono sostare gratuitamente essendo equiparati alle auto, purtroppo spesso occupando più stalli. Il Comune è corso ai ripari emanando, lo scorso 25 ottobre, un’ordinanza che vieta ai camper di sostare al campo canoa, ma ancora non è applicabile perché manca la segnaletica che avvisi il camperista del divieto.

E infatti, domenica scorsa nessuno degli autocaravan scesi nel parcheggio in riva al lago erano stati sanzionati, ragion per cui è da attendersi che oggi la musica possa ripetersi.

L’ordinanza era stata emanata dalla Polizia locale su indicazione del settore lavori pubblici che aveva lamentato i danni arrecati alla pavimentazione del parcheggio dalle manovre di veicoli di peso superiore a quello delle auto. Subito la Polizia locale ha acquistato la relativa segnaletica, ma prima che l’ordine venga soddisfatto serve tempo. Questo non depone a favore di un utilizzo a pieno regime dell’area sosta di Sparafucile. Michele Chiodarelli, presidente di Aster che gestisce sia l’area sosta camper che il parcheggio per le auto, allarga le braccia: «Finché non saranno in vigore i divieti noi non possiamo farci nulla. Non possiamo mettere una sbarra all’ingresso perché deve passare il bus navetta che garantisce i collegamenti con il centro città e l’altro parcheggio di piazzale Montelungo; non possiamo mettere un nostro addetto a controllare l’ingresso dei camper per tutto il giorno. Abbiamo messo qualche cartello di divieto, ma noi non possiamo sanzionare».

L’assessore alla Polizia locale Iacopo Rebecchi difende Mantova, «città accogliente nei confronti dei camperisti vista l’area sosta predisposta, conosciuta e apprezzata in Italia e in Europa». E spiega perché il campo canoa non possa ospitare i camper: «Ci sono due limiti: uno strutturale, in quanto non essendo asfaltato per prescrizioni ambientali, è nel Parco del Mincio, la maggior parte degli stalli di sosta non può ospitare mezzi pesanti come i camper. L’altro limite è funzionale in quanto è un parcheggio scambiatore nato per ridurre il traffico in città. La presenza dei numerosissimi camper nel weekend che parcheggiano spesso di traverso occupando 3-4 posti per più giorni ne limita considerevolmente la capienza e la sua funzione». E annuncia: «Individueremo nell’area nuova del campo canoa degli stalli in cui possano parcheggiare anche i camper».

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Milano, vigile in borghese spara un colpo in aria: disarmato da un gruppo di ragazzi

La guida allo shopping del Gruppo Gedi