Vaccini: via dei Toscani non decolla. Ancora dirottamenti fuori Mantova

Il portale regionale offre disponibilità nel Cremonese. L’Asst: «A giorni raddoppieremo gli slot»

MANTOVA. Il nuovo polo vaccinale di via dei Toscani stenta a decollare. A dirlo sono i numeri ancora troppo bassi di prime e soprattutto terze dosi somministrate a causa della scarsa disponibilità di vaccini (slot), tanto che in queste ore l’Asst sta lavorando per poter raddoppiare la capacità di erogazione nel giro di pochi giorni.

Dopo i primi giorni di caos al momento dell’apertura del nuovo hub che ha preso il posto del Grana Padano Arena, dovuto prevalentemente all’accavallamento delle prenotazioni per un tilt nel sistema regionale di Poste che ha reso necessario anche l’intervento dei carabinieri per evitare troppi assembramenti, ora il problema principale è costituito dalla mancanza di slot sufficienti a soddisfare le richieste online.

Nelle ultime 48 ore chi ha cercato di prenotare la terza dose booster del vaccino anti Covid tramite il portale regionale si è visto dirottare su altri hub: Casalmaggiore, Ostiglia, Lonato e Viadana.

E nel momento in cui dal governo e dal commissario straordinario Figliuolo arrivano appelli ad accelerare la campagna vaccinale con le terze dosi, sono in molti a chiedersi per quale motivo a Mantova si è deciso di chiudere l’hub Grana Padano Arena e aprire il centro vaccinale di via Dei Toscani più piccolo e con caratteristiche logistiche tali da non permettere l’afflusso di tante persone.

Tanta fretta e pochi slot. Secondo la Fondazione Gimbe in tre settimane sono crollate del 75% le prime dosi di vaccino anti Covid e ancora 2,7 milioni sono gli over 50 da vaccinare. Mentre anche le terze dosi non decollano e al palo sono anche le forniture di vaccini. «Occorre un cambio di marcia – si legge nel monitoraggio Gimbe – per contenere la quarta ondata».

In particolare, rileva il report, a livello nazionale dopo aver sfiorato quota 440 mila nella settimana 11-17 ottobre, in tre settimane il numero dei nuovi vaccinati è crollato del 75,4% attestandosi a 108.497 nella settimana 1-7 novembre. Di questi, il 72,2% sono persone in età lavorativa.

Anche in provincia di Mantova le prime dosi hanno subito un forte rallentamento, tanto che la media degli ultimi venti giorni è di meno di cento somministrazioni al giorno.

Gli enti sanitari ricordano che la prenotazione del vaccino può avvenire collegandosi al portale prenotazionevaccinicovid.regione.lombardia.it o chiamando il call center dedicato al numero verde 800 - 894 545. Fino al 31 dicembre, oltre a via dei Toscani, resteranno attivi i centri vaccinali di Castel Goffredo, palazzetto dello Sport (via Svezia 10); Ostiglia, centro commerciale La Ciminiera (piazza Mondadori Milano 19); Viadana, MuVi (via Manzoni 4).

Dal 6 novembre ha aperto anche l’hub vaccinale di Pegognaga in via Donatori di Sangue.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Mantova, la pinsa alla conquista dell'Europa

La guida allo shopping del Gruppo Gedi