Camionista muore nello schianto sulla tangenziale di Milano

La vittima è un 67enne di Belforte dipendente della Verdikart

BELFORTE. La comunità di Belforte è sconvolta per la tragica morte di Iriano Garaboldi, 67 anni, che ha perso la vita mercoledì 17 novembre all’alba in un tragico incidente stradale sulla tangenziale ovest di Milano. Iriano era alla guida del camion della ditta per cui lavorava, la Verdikart di Belforte, che si occupa del recupero di materiale cartario, quando ha perso il controllo del mezzo nel tratto di tangenziale tra Baggio e Cusago. All’altezza di Quinto Romano il mezzo pesante ha sbandato prima a destra, poi a sinistra e infine si è ribaltato invadendo la carreggiata opposta, scontrandosi con un’auto. Davvero impressionante la scena. Ferito e ricoverato all’ospedale San Carlo di Milano il conducente della vettura, di 45 anni. Non è, per fortuna, in pericolo di vita.

La notizia è arrivata in paese dove si è diffusa in breve. Garaboldi, che lascia un figlio, Marco, che abita a Cerese ed è infermiere all’ospedale di Mantova, era molto conosciuto e benvoluto. Due le sue grandi passioni. La prima, il camion stesso, che teneva come un gioiello. Pur essendo andato in pensione, aveva ripreso a collaborare con la Verdikart, tanta era l’amore per la guida. Il secondo hobby era la bici: tante le gare amatoriali alle quali aveva partecipato, con vari traguardi provinciali e anche regionali. Tra le squadre di cui aveva fatto parte, laPennelli Cinghiale di Viadana.

La data dei funerali è ancora da fissare: si attende che il magistrato disponga l’autopsia. Pare che nella notte tra martedì e mercoledì, Gariboldi sia partito attorno alla mezzanotte e che avrebbe fatto ritorno per le otto. Quando è accaduto l’incidente, verso le 4.30, era già sulla via del ritorno dopo una consegna. È probabile che sia stato un malore a fargli perdere il controllo del mezzo. Il giorno prima aveva avvertito dolore allo stomaco ed era stato a fare una visita con la compagna.

Video del giorno

Covid, Marco Melandri ritratta: "Era una battuta, non mi sono fatto contagiare volontariamente"

La guida allo shopping del Gruppo Gedi