Il ponte sul Po è deteriorato, c’è il senso unico alternato

La carreggiata della sp35 è stata ristretta a seguito di un controllo di routine. Inevitabili i disagi per gli automobilisti soprattutto nelle fasce orarie critiche

DOSOLO. La Provincia di Reggio Emilia ha disposto un restringimento di carreggiata su un tratto della Sp35, la strada che dalla variante Cispadana porta al ponte sul Po Guastalla-Dosolo. Le transenne sono state posizionate nel tardo pomeriggio di martedì, e di fatto delimitano alcune decine di metri della corsia di destra per chi proviene da Dosolo, appena prima dell’incrocio per l’ingresso in Guastalla.

In questo tratto di strada, la circolazione avviene a senso unico alternato regolato da semaforo. «Il provvedimento – fa sapere l’amministrazione provinciale – è stato adottato per garantire la percorribilità del ponte in sicurezza». Nel corso di un controllo di routine, i tecnici della Provincia avevano riscontrato uno stato di deterioramento in una delle travi esterne di un piccolo ponte a una campata della Sp 35, quello che scavalca la pista ciclabile che porta al Lido Po guastallese.

La situazione ha indotto l’ente a ridurre la portata di carico, in attesa di effettuare il necessario intervento di ripristino. Da Reggio assicurano che appalto e cantiere si svolgeranno in tempi rapidi. Nei prossimi giorni saranno peraltro inevitabili i disagi, soprattutto nelle fasce orarie critiche, per i mezzi che viaggiano tra la sponda reggiana e quella mantovana del Po. Da notare che la corsia che rimarrà transitabile presenta diverse crepe e cedimenti, per cui sono consigliate prudenza e attenzione. Tra Guastalla e Dosolo si susseguono senza soluzione di continuità ben tre piccoli ponti (tra cui quello citato sulla ciclabile), nonché quello sulla Crostolina e quello sul fiume Po.

E quest’ultimo, il ponte sul Grande Fiume, è come noto a sua volta interessato da importanti lavori di messa in sicurezza, che comportano – in prossimità del cantiere, a poche centinaia di metri di distanza dal nuovo restringimento di carreggiata – un’altra zona di circolazione a senso unico alternato. In questo caso, peraltro, le opere di sistemazione dovrebbero volgere ormai alle battute finali, e pertanto a breve le relative limitazioni saranno rimosse. Quelli in fase di conclusione al ponte sul Po sono lavori da 3,8 milioni di euro finanziati da fondi ministeriali, cui farà seguito tra un anno un secondo intervento di messa in sicurezza da 6,5 milioni.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Covid, Marco Melandri ritratta: "Era una battuta, non mi sono fatto contagiare volontariamente"

La guida allo shopping del Gruppo Gedi