Un itinerario storico musicale e artistico seguendo le tracce della Viadana ebraica

L’evento in programma domani è curato dell'associazione culturale Pomponazzo. Prima tappa alle 16: visita guidata per riscoprire la sinagoga incompiuta

VIADANA. Un itinerario storico, musicale e artistico domani pomeriggio (26 novembre) sulle tracce della Viadana ebraica a cura dell'associazione culturale Pomponazzo. Il primo appuntamento è alle 16, davanti al Muvi, Museo Viadana, in piazza Manzoni, dove la storica dell’architettura e del paesaggio Marida Brignani, autrice del libro “La sinagoga incompiuta. Storia di un contrastato luogo di culto degli ebrei viadanesi” partirà per la visita della sinagoga incompiuta, un luogo poco conosciuto e ora di proprietà privata, della famiglia Marcheselli, che solo saltuariamente e su richiesta ospita eventi culturali e accoglie aperture straordinarie.

«Dal proposito della associazione Pomponazzo di presentare in questa sinagoga una selezione dei canti ebraici composti a Mantova tra ‘800 e ‘900 per il neonato Coro israelitico al servizio delle celebrazioni nel Tempio Maggiore – dice Claudia Mantovani presidente dell'associazione – si è sviluppato il progetto di un itinerario più complesso. Il percorso, intervallato da canti sinagogali polifonici, farà conoscere vicende legate alla sinagoga di Viadana e metterà a contatto con opere tratte dall’edificio che ospitava la sinagoga stessa». Terminata la visita alla sinagoga, di ritorno al Muvi, intorno alle 17, dopo i saluti del presidente della Comunità ebraica di Mantova Emanuele Colorni e del sindaco di Viadana Nicola Cavatorta, si terrà la presentazione dei Canti ebraici a cura di Marino Cavalca, direttore della Schola Cantorum Pomponazzo.

Il momento musicale avrà l’accompagnamento all’organo di Felice Santelli. Sarà infine possibile visitare le collezioni del museo dove sono collocati alcuni affreschi provenienti dall’edificio che ospita la sinagoga e dal Museo Civico Parazzi. L’evento è organizzato in collaborazione con la Federazione Nazionale Chorus Inside ed è sostenuto dal Ministero della Cultura. «Dell’esistenza di edifici adibiti al culto ebraico restano pochissime tracce nella provincia di Mantova, così come a Viadana della cui sinagoga pochi conoscono l’esistenza – spiega Mauro Patuzzi segretario della associazione –. Viadana conserva testimonianze della presenza della comunità ebraica, insediatasi nella cittadina nel XV secolo e presente fino alla metà del XX secolo, grazie al cimitero ebraico e grazie, appunto, alla sinagoga incompiuta riaperta al pubblico nel 2004». Ingresso libero con green pass

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Metropolis/10 - Nuovo Cinema Quirinale. Con Andrea Costa, Michele Emiliano (l'integrale)

La guida allo shopping del Gruppo Gedi