I cento anni di Maria, maestra contro i razzisti

La custode dell’antica sinagoga nel 1938 impartì lezioni a una bambina ebrea estromessa dalle scuole pubbliche

VIADANA. L’amministrazione comunale ringrazia Maria Marcheselli, la “custode” dell’antica sinagoga, e, a nome della comunità viadanese, le porge gli auguri di buon compleanno: l’ex maestra – che nel 1938 impartì lezioni private a una bambina ebrea estromessa dalle scuole pubbliche a causa delle leggi razziali - ha spento domenica 100 candeline.

Il padre di Maria, Iginio, gestiva un laboratorio di falegnameria proprio nel tempio israelitico, un suggestivo edificio incompiuto dell’ex ghetto, risalente a inizio Ottocento. Acquistato negli anni ’50, è sempre rimasto di proprietà dei Marcheselli, e da qualche anno è a disposizione per iniziative culturali.

Sabato la sinagoga ha ospitato un concerto della corale Pomponazzo; in programma, una selezione di canti israelitici composti a Mantova. Nell’occasione il pubblico è stato accompagnato, tra sinagoga e museo civico, in una visita di scoperta delle vestigia ebraiche. Come guide, la storica Marida Brignani e il presidente della comunità ebraica virgiliana, Emanuele Colorni

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Il ministro Garavaglia visita il Forte di Pietole

La guida allo shopping del Gruppo Gedi