Mantova, tregua dalla pandemia: i ragazzi del D’Este ritornano sul palco

Copyright 2018 Nicola Saccani, all rights reserved

Il 16 dicembre gli studenti del liceo coreutico Isabella d’Este di Mantova torneranno a danzare sul palcoscenico del teatro Ariston (in foto uno spettacolo del 2018)

MANTOVA. Il 16 dicembre gli studenti del liceo coreutico Isabella d’Este di Mantova torneranno a danzare sul palcoscenico del teatro Ariston. Un modo per celebrare la ripresa delle attività artistiche dopo un lungo periodo di restrizioni Covid, non ancora cessate. I docenti, che hanno firmato le coreografie, hanno scelto di portare in scena “Alice” , ispirata ai romanzi di Lewis Carroll.

«Abbiamo pensato al “Alice” – spiega una nota della scuola – perché affronta temi chiave come le dipendenze (uso e abuso di droghe) e la violenza, presentati in forma edulcorata attraverso il linguaggio artistico della danza classica e contemporanea; tematiche che rientrano nelle attività promosse da Ats, Regione e Ministero dell’istruzione, tra cui Unplugged e l’introduzione della disciplina di educazione civica.

“Alice” rientra nell’ambito dei progetti di alternanza scuola-lavoro e offre ai giovani danzatori del liceo coreutico la possibilità di calcare il palcoscenico come una vera compagnia di danza, con repliche consecutive e davanti a un pubblico fatto di volti non conosciuti. Lo spettacolo del 16 dicembre si terrà alle ore 11, riservato alle classi delle scuole medie. L’ingresso è gratuito, con prenotazione obbligatoria (possibile già da ora telefonando al liceo D’Este dal lunedi al sabato dalle 10.30 alle 12), o inviando un’e-mail alla professoressa Marta Cicu, all’indirizzo cicu.marta@arcoeste.edu.it.

Lo spettacolo del 16 è previsto per le 20.30 e sarà aperto a tutti, con ingresso gratuito e prenotazione obbligatoria (effettuabile all’indirizzo: https://www.arcoeste. edu.it) a partire dal 2 dicembre.

Video del giorno

Metropolis/15, Bonino: "Casellati ha esposto la sua persona e l'istituzione che rappresenta. Non si fa"

La guida allo shopping del Gruppo Gedi