La comunità coinvolta nell’educazione a scuola, siglato il patto educativo

L’accordo quadro rappresenta il documento principale per sostenere la costruzione di collaborazioni con i soggetti territoriali, per dar vita a veri e propri patti di comunità, che si tradurranno in singole azioni operative

SUZZARA. Il 6 dicembre in sala consiliare è stato firmato l’accordo quadro per il Patto educativo di comunità. Grazie ai Patti di comunità, le scuole possono avvalersi del capitale sociale espresso da realtà differenziate presenti sul territorio, siano esse culturali, educative, artistiche, ricreative, sportive, sociali, produttive, del terzo settore, arricchendosi in tal modo dal punto di vista formativo ed educativo. I soggetti promotori e primi firmatari dell’accordo quadro sono: il Comune di Suzzara, l’Asp “Socialis”, gli istituti comprensivi 1 “M. Hack” e2 “Il Milione”, l’istituto “Manzoni”, la fondazione Scuola di Arti e Mestieri “F. Bertazzoni”, Centro provinciale istruzione adulti di Mantova, unità pastorale “Dello Zara”, cooperative sociali “Simpatria” e “Minerva”, le associazioni “Idea” onlus e “San Lorenzo”.

L’accordo quadro rappresenta il documento principale per sostenere la costruzione di collaborazioni con i soggetti territoriali, per dar vita a veri e propri patti di comunità, che si tradurranno in singole azioni operative. Si tratta di intese sottoscritte tra cittadini associati, istituzioni scolastiche, amministrazione comunale ed altri enti sul territorio, che individuano nella scuola un fondamentale bene della comunità e un ambito privilegiato per le possibili collaborazioni. La durata del patto riguarda gli anni scolastici 2021/2022 e 2022/2023.

Video del giorno

Metropolis/15, Bonino: "Casellati ha esposto la sua persona e l'istituzione che rappresenta. Non si fa"

La guida allo shopping del Gruppo Gedi