Dopo 60 anni d’attività chiude il forno di Portiolo: «Il paese perde servizi»

Dispiaciuti i residenti per i quali la tradizionale rivendita era un vero e proprio punto di riferimento

SAN BENEDETTO. Dopo sessant’anni di attività alla fine dell’anno chiuderà il forno dei fratelli Devincenzi. Una sorta di istituzione nella frazione che conta meno di 400 anime. Dispiaciuti i residenti per i quali la tradizionale rivendita era un vero e proprio punto di riferimento. «Certo dispiace - spiega ad esempio Pasqualina Marzi - perché sono sempre stati di una disponibilità unica, rara a trovare. Va rispettata la loro decisione, anche se resteremo un po’ più soli».

Lo stop è una decisione dolorosa della famiglia, e qualche residente ha voluto lanciare un appello pubblico sui social perché qualcuno apra una attività nella frazione «dove l’anno scorso ha chiuso l’unica edicola ed ora il panificio» spiega Gianni Danieli.

In paese sono rimasti la farmacia, un negozio di alimentari e il bar-ristorante. «I servizi vanno via, anche la chiusura del ponte ha contribuito, purtroppo - spiega Katia Cristoni del Comitato sagra -. È vero che qualcuno si è insediato qui perché le case costano meno e ci sono più spazi. Ma ravvivare il paese è difficile, bisogna lavorare molto e non sempre si trovano le persone o gli spazi. Abbiamo chiesto ad esempio di avere un parcheggio per la sagra e di trasformare a comunale la strada che attraversa il paese».

Qualcosa si sta muovendo, anche se il Comune su tante cose ha le mani legate: «I trasporti sono pochi, ma dipendono dall’Apam. Così come la strada, che dipende dalla Provincia - spiega il consigliere comunale Virna Galli - ma continuiamo a sollecitare gli enti interessati».

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Elezione del presidente della Repubblica, prima votazione per il Quirinale a Montecitorio: diretta

La guida allo shopping del Gruppo Gedi